David Samuel Margoliouth

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

David Samuel Margoliouth (Londra, 17 ottobre 1858Londra, 22 marzo 1940) è stato un orientalista britannico, arabista e islamista.

D.S. Margoliouth officiò per breve periodo come sacerdote anglicano. Fu Laudian Professor of Arabic nell'Università di Oxford dal 1889 al 1937.[1][2]

Suo padre era un ebreo convertitosi all'Anglicanesimo, attivo nell'opera missionaria verso gli ebrei a Bethnal Green. D. S. Margoliouth fu molto influenzato dallo zio,[3] il convertito anglicano Moses Margoliouth.[4]. Margoliouth studiò al Winchester College e al New College dell'Università di Oxford, in cui si diplomò col massimo dei voti, vincendo poi un numero senza precedenti di premi in discipline classiche e in studi linguistici orientali.

Molti dei suoi lavori sulla storia dell'Islam divennero libri di testo e di riferimento in Inghilterra, incluso il suo famoso Mohammed and the Rise of Islam (1905), The Early Development of Mohammedanism (1914) e The Relations Between Arabs and Israelites Prior to the Rise of Islam (1924)[2].

Fu definito un brillante scrittore e traduttore di opere arabistiche[2], come può essere dimostrato da The Letters of Abu'l-'Ala of Ma'arrat al-Nu'man (1898), il Yaqut's Dictionary of Learned Men, 6 voll. (1907–27) e la cronaca di Miskawayh, preparata in collaborazione con H. F. Amedroz sotto il titolo The Eclipse of the 'Abbasid Caliphate, 7 voll. (1920–21). Alcuni degli studi di David Samuel Margoliouth sono inclusi nel libro The Origins of The Koran: Classic Essays on Islam’s Holy Book edito da Ibn Warraq.

Come membro del Consiglio Scientifico della Royal Asiatic Society a partire dal 1905, per diventarne Direttore nel 1927, fu insignito della medaglia d'oro triennale nel 1928, diventando Presidente della RAS nel periodo 1934-37[1].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Mohammed and the Rise of Islam (1905)
  • "Umayyads and 'Abbasids" (1907)
  • The Early Development of Mohammedanism (1914)
  • "Yaqut's dictionary of learned men", 7 Vols. (1908-1927)
  • "The Kitab al-Ansab of al-Sam'ani" (1911)
  • "Mohammedanism" (1912)
  • "The table-talk of a Mesopotamian judge", 2 Vols. (1921-22)
  • "The Eclipse of the Abbasid Caliphate" (1922)
  • The Relations Between Arabs and Israelites Prior to the Rise of Islam (1924) (Schweich Lecture for 1921)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Encyclopædia Britannica (14th edition) - article Margoliouth, David Samuel
  2. ^ a b c Encyclopædia Britannica (15th edition) - article Margoliouth, David Samuel
  3. ^ Werner Eugen Mosse and Julius Carlebach, Second Chance: Two Centuries of German-speaking Jews in the United Kingdom
  4. ^ Oxford Dictionary of National Biography

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autorità VIAF: 81982908 LCCN: n79078156