David Malet Armstrong

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
David Malet Armstrong

David Malet Armstrong (Melbourne, 8 luglio 1926Sydney, 13 maggio 2014) è stato un filosofo australiano. Molto noto per il suo lavoro sulla metafisica e la filosofia della mente, fu un difensore dell'ontologia fattualista: quest'ultima consiste in una teoria funzionalista della mente, una epistemologia esternalista nonché una concezione modalista delle leggi di Natura[1]. Nel 2008 venne eletto membro onorario straniero dell'American Academy of Arts and Sciences[2].

Traduzioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

  • D. M. Armstrong, Ritorno alla metafisica. Universali-Leggi-Stati di fatto-Verità, Testo inglese a fronte, Milano, Bompiani, 2012.

Testi su Armstrong[modifica | modifica wikitesto]

  • F.F. Calemi, Le radici dell'essere. Metafisica e metaontologia in David Malet Armstrong, Roma, Armando Editore, 2013.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Biographical Dictionary of Twentieth-Century Philosophers, London: Routledge, 1996, pp. 31–32, ISBN 0-415-06043-5
  2. ^ "Book of Members, 1780–2010: Chapter A", American Academy of Arts and Sciences

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN108818877 · LCCN: (ENn50001848 · ISNI: (EN0000 0001 0932 048X · GND: (DE120072092 · BNF: (FRcb12030640z (data)