David Kirschner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

David M. Kirschner (Los Angeles, ...) è un produttore cinematografico e sceneggiatore statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

David Kirschner nasce nella zona suburbana di Los Angeles (California).

Inizia a lavorare come disegnatore e progettista di cover, notabili le copertine da lui disegnate per "Neil Diamond's The Jazz Singer". A 23 anni inizia a scrivere alcune bozze su un ciclo di libri per bambini, Rose Petal Place. Dopo un breve periodo di scrittura, Kirschner si occupa anche delle illustrazioni e da suggerimenti circa la pubblicazione.

Negli anni antecedenti alla carriera da produttore, Kirschner lavora come disegnatore e artista concettuale per il programma d'infanzia Sesame Street e per la linea di giocattoli Muppets.

Il successo arriva nel 1986, quando scrive e produce Fievel va in America, un film d'animazione molto acclamato e dal cui successo verranno prodotte una serie televisiva, in cui appare Kirschner tra i produttori, e due sequel direct-to-video.

Mostrando sempre il suo interesse per l'animazione, per alcuni anni lavora alla Hanna-Barbera Productions, partecipando al finanziamento di cartoni e serie d'animazione come The Pirates of Dark Water e Mostri o non mostri...tutti a scuola.

Nel 1988 viene contattato da Don Mancini per aiutarlo a finanziare un film horror di piccola produzione, La bambola assassina. Al contrario di ogni aspettativa, il film si rivela un successo critico e commerciale incassando 44.196.684$ in tutto il mondo e il cui antagonista, Chucky, dà vita a una lunga e proficua saga cinematografica.

Con l'aumentare delle chiamate volentelo come produttore, viene fondata la David Kirschner Productions, uno studio cinematografico indipendente che si occupa di finanziare i film cui partecipa l'omonimo fondatore.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 76516902 LCCN: n83021056