David Duke

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
David Duke

David Duke (Louisiana, 1º luglio 1950) è un politico statunitense dello stato della Louisiana.

Si definisce un attivista dei diritti umani e dei diritti civili europei [1] in polemica contro il potere e l'influenza dell'estremismo ebraico. È stato deputato alla camera dei Rappresentanti della Louisiana, dal 1989 al 1993. È autore di due best-seller mondiali: My Awakening ("Il mio risveglio") e Jewish Supremacism ("Il suprematismo ebraico") ed è Dottore di Ricerca (PhD) in Storia[2]. Fu membro del Ku Klux Klan durante la giovinezza; si distaccò del tutto da questa organizzazione alla fine degli anni '70.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È stato personalità di spicco di una frangia non violenta del Ku Klux Klan per pochi anni della sua giovinezza. Duke ha spesso ricordato come il gruppo abbia sostenuto il diritto degli europei-americani a preservare se stessi, la loro eredità culturale e la loro libertà politica, senza ostilità nei confronti degli afro-americani. È stato membro del Partito Democratico negli anni Settanta e Ottanta, passando poi ai repubblicani negli anni Novanta, per cui ha partecipato alle primarie per la corsa alla presidenza e al senato.

In occasione delle primarie del Partito Repubblicano in vista delle elezioni presidenziali del 2008 Duke ha appoggiato Ron Paul, scrivendo sul suo sito che è in atto "una cospirazione mediatica" ai suoi danni[3], ma ha successivamente annunciato che voterà John McCain in funzione anti-Obama (anche se egli critica spesso l'anziano senatore repubblicano). Al suo arrivo in Repubblica Ceca il 24 aprile 2009 per presentare il suo libro "Il suprematismo Ebraico" è stato arrestato dalla polizia per "negazione del genocidio ebraico e dei crimini nazisti".

Il giorno seguente è stato rilasciato con l'obbligo di lasciare il paese il giorno stesso. Nel 2011 Duke si trasferisce in provincia di Belluno riuscendo ad ottenere un permesso si soggiorno abusivo presentandosi con il suo secondo nome "Ernest"; un anno dopo gli viene negato il permesso di soggiorno perché non compatibile con gli accordi di Schengen. L'ex leader del KKK, non contento, ha fatto ricorso portando il ministero dell’Interno davanti al Tar del Veneto, che però ha confermato il corretto operato delle forze dell'ordine lasciando Duke solo con duemila euro di spese legali da pagare.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ White Civil Rights
  2. ^ http://archive.adl.org/learn/extremism_in_america_updates/individuals/david_duke/david_duke_20051103.htm
  3. ^ Dal sito di David Duke

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 48341093 LCCN: n88614964

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie