David (Bernini)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
David
David
Autore Gian Lorenzo Bernini
Data 1623 - 1624
Materiale Marmo
Dimensioni 170 cm 
Ubicazione Galleria Borghese, Roma

Il David di Gian Lorenzo Bernini (marmo, 170 cm Roma, Galleria Borghese) che riprende il mito biblico di Davide e Golia - il quale vede Davide (David) affrontare il gigante Golia armato di una fionda (altri scultori lo raffigurano con una spada) - è stato scolpito tra il 1623 e il 1624, dopo che l'opera fu commissionata all'artista dal cardinale Scipione Borghese.

Descrizione dell'opera[modifica | modifica wikitesto]

Animazione digitale del David

Bernini, seguendo gli schemi del barocco, raffigura il David un momento prima che quest'ultimo scagli la pietra che ucciderà il gigante Golia, cogliendolo in una torsione e in una espressione di sforzo con una massima tensione fisica ed emotiva. A differenza della visione rinascimentale (anche Donatello, Verrocchio e Michelangelo rappresentano il David), la visione barocca del Bernini è elaborata nel movimento, coglie tutte le espressioni corporee che manifestano lo sforzo riportando anche il minimo particolare, in una posa sinuosa e plastica.

Il viso del David sembra essere un autoritratto del Bernini stesso alle prese con la durezza del marmo. Da notare, la fronte corrugata e gli occhi rivolti verso il bersaglio, le labbra rientrate a testimonianza del grande sforzo effettuato nello scatto e i capelli ondulati (o ricci) che riportano nuovamente alla rappresentazione del movimento.

Ai piedi del David vi è la corazza (secondo il mito prestata dal re Saul), lasciata cadere perché troppo pesante, sotto alla quale è possibile scorgere una testa d'aquila (innestata nell'arpa che David suonerà dopo la vittoria) in riferimento alla casa Borghese. Bernini ha volutamente rappresentare il David in modo da dare la possibilità allo spettatore di osservarlo da tre diverse angolazioni, dalle quali è possibile cogliere altrettanti diversi aspetti della scultura e del suo movimento.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alessandra Buccheri, Bernini, collana "I Classici dell'Arte", Milano, Rizzoli/Skira, 2005, pp. 84 - 85

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

scultura Portale Scultura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di scultura