Datsun

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Datsun
Logo
Stato Giappone Giappone
Tipo Società per azioni
Fondazione 1931 a Yokohama
Sede principale Giappone Giappone, Tokyo
Settore Autoveicoli

La Datsun è una casa automobilistica giapponese, fondata nel 1931 e acquistata dalla Nissan Motor Co. nel 1934. Nissan ha poi deciso di terminare la produzione di veicoli con questo marchio nel 1986, salvo poi riprenderlo e rilanciarlo sul mercato nel 2013[1].

Il marchio storico della Datsun (scritta "DATSUN" su sfondo blu, davanti al sol levante rosso in campo bianco, simbolo del Giappone) è diventato la base per il marchio Nissan utilizzato dal 1984 al 2002.

Origine del nome[modifica | modifica sorgente]

La sigla DAT era l'acronimo formato dalle iniziali dei cognomi dei tre soci fondatori, che avevano già iniziato a produrre veicoli sotto questo marchio dal 1914.

  • Kenjiro Den (田 健次郎 Den Kenjirō?)
  • Rokuro Aoyama (青山 禄朗 Aoyama Rokurō?)
  • Meitaro Takeuchi (竹内 明太郎 Takeuchi Meitarō?)

Dopo una serie di cambiamenti societari (modifiche al nome, differenziazione della produzione, fusione con un'altra azienda)[2], fu aggiunta la desinenza "son" ("piccolo" in giapponese) per indicare vetture di piccole dimensioni e produrle quindi sotto il marchio "Datson". Nel 1933 il nome fu cambiato in "Datsun" poiché "son" in giapponese oltre che "piccolo" può anche significare "perdente"[3].

L'impegno sportivo[modifica | modifica sorgente]

Sul finire degli anni 1970 e nei primi anni 1980, con il diffondersi delle competizioni rallystiche, il marchio giapponese ottenne qualche discreto successo in questo tipo di competizioni, con una particolare predilezione per il Safari Rally in terra africana (sei vittorie).

Vittorie nel mondiale rally[modifica | modifica sorgente]

Anno Rally Pilota Vettura
1970 Kenya Safari Rally Kenya Edgar Herrmann Datsun 1600 SSS
1971 Kenya Safari Rally Kenya Edgar Herrmann Datsun 240Z
1973 Kenya Safari Rally Kenya Shekhar Mehta Datsun 240Z
1976 Grecia Rally dell'Acropoli Svezia Harry Källström Datsun 160J
1979 Kenya Safari Rally Kenya Shekhar Mehta Datsun 160J
1980 Kenya Safari Rally Kenya Shekhar Mehta Datsun 160J
Nuova Zelanda Rally di Nuova Zelanda Finlandia Timo Salonen Datsun 160J
1981 Kenya Safari Rally Kenya Shekhar Mehta Datsun Violet GT
Costa d'Avorio Rally della Costa d'Avorio Finlandia Timo Salonen Datsun Violet GT

Rinascita[modifica | modifica sorgente]

Carlos Ghosn al lancio della Datsun GO

Dopo alcuni anni di indiscrezioni[4], nel luglio 2013, Carlos Ghosn ha annunciato il ritorno di Datsun come marchio a basso costo per alcuni mercati emergenti, come Russia, India, Indonesia e Sud Africa. I modelli, prodotti a partire dal 2014 in India presso lo stabilimento Renault-Nissan di Chennai, saranno di derivazione Nissan. Per l'occasione, il marchio dell'azienda è stato completamente ridisegnato.

Nel Gennaio 2014 la Datsun GO segna il rientro sul mercato automobilistico del marchio giapponese; si tratta di un’utilitaria economica (circa 5.000 euro il prezzo) prodotta sulla stessa piattaforma della Nissan Micra, in vendita per ora solo sul mercato indiano. A settembre 2013 è stato annunciato l'ampliamento della gamma con la GO+, una vettura minivan derivata dalla precedente[5].

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nissan revives Datsun brand with Go hatchback, Automotive News, 15 luglio 2013. URL consultato il 18 luglio 2013.
  2. ^ The Complete Encyclopedia of Motorcars 1885 to the Present Edited by G.N. Georgano; 1968; E.P. Dutton and Company; New York, NY
  3. ^ Consumano, Michael A. Also, the symbol was derived from "lemons" which are famous in Japan. The Japanese Automobile Industry, H.U.P (1985), ISBN 0-674-47255-1 p.33
  4. ^ Nissan studia il ritorno del marchio Datsun, motori.it. URL consultato il 4 dicembre 2011.
  5. ^ Datsun GO+: Datsun’s second model is an MPV, Paultan.org, 17 settembre 2013. URL consultato il 17 settembre 2013.
  6. ^ 19th East African Safari Rally, juwra.com. URL consultato il 4 dicembre 2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]