Dasyurus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Dasyurus
Dasyurus maculatus.jpg
Dasyurus maculatus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Infraclasse Metatheria
Ordine Dasyuromorphia
Sottordine Australidelphia
Famiglia Dasyuridae
Sottofamiglia Dasyurinae
Tribù Dasyurini
Genere Dasyurus
É. Geoffroy, 1796
Specie

Dasyurus É. Geoffroy, 1796 è un genere di marsupiali carnivori della famiglia dei Dasiuridi [1] che comprende i cosiddetti quoll o gatti indigeni, originari di Australia e Nuova Guinea.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Gli adulti sono lunghi tra i 25 e i 75 cm e in più sono dotati di code pelose di 20-35 cm. Le femmine sono munite di sei od otto capezzoli e di una tasca - con l'apertura verso la coda - che si sviluppa però solamente durante la stagione riproduttiva, quando devono trasportarvi i piccoli.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

I quoll vivono sia nelle foreste che nelle vallate aperte. Sebbene siano prevalentemente animali terricoli, hanno sviluppato anche notevoli abilità arboricole. Non hanno la coda prensile, ma una serie di creste sulla pianta dei piedi[2]. I molari e i canini sono molto sviluppati.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

La tribù dei Dasyurini, alla quale appartengono i quoll, comprende anche il diavolo della Tasmania, gli antechini, il kowari e i mulgara[1].

Le specie del genere Dasyurus sono le seguenti[1]:

Le varie specie di quoll differiscono tra loro per piccole differenze nella forma del corpo, ma ognuna di loro presenta particolari caratteristiche. Il quoll tigrato, ad esempio, si può facilmente riconoscere per le macchie bianche e i grandi canini[2].

Il nome Dasyurus, che significa «coda pelosa»[3], venne coniato da Étienne Geoffroy Saint-Hilaire nel 1796. La prima specie descritta, il quoll tigrato, venne posta originariamente nel genere degli opossum americani, Didelphis.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Dasyurus in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  2. ^ a b McCay, George, Mammals, Fog City Press, 1999.
  3. ^ M. Serena e T. Soderquist, Western Quoll in Ronald Strahan (a cura di), The Mammals of Australia, Reed Books, 1995, pp. 62–64.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi