Dasymys nudipes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ratto di palude angolano
Immagine di Dasymys nudipes mancante
Stato di conservazione
Status none DD.svg
Dati insufficienti[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
Ordine Rodentia
Sottordine Myomorpha
Superfamiglia Muroidea
Famiglia Muridae
Sottofamiglia Murinae
Genere Dasymys
Specie D.nudipes
Nomenclatura binomiale
Dasymys nudipes
Peters, 1870

Il ratto di palude angolano (Dasymys nudipes Peters, 1870) è un roditore della famiglia dei Muridi diffuso nell'Africa sud-occidentale.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Roditore di medie dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 152 e 205 mm, la lunghezza della coda tra 140 e 186 mm, la lunghezza del piede tra 39 e 45 mm e la lunghezza delle orecchie tra 21 e 24 mm.[3]

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La pelliccia è lunga, soffice e arruffata. Le parti superiori sono bruno-olivastre, talvolta è presente un'iridescenza verdognola, i fianchi sono più chiari con dei riflessi giallo-cannella e grigio, mentre le parti ventrali sono bianche con la base dei peli grigio scura. Le orecchie sono corte, rotonde, scure e ricoperte di piccoli peli. Il dorso delle zampe è dello stesso colore dei fianchi. La coda è lunga quanto la testa ed il corpo ed è ricoperta di piccoli peli marroni scuri eccetto nella metà inferiore basale dove sono bianchi. Sono presenti 10 anelli di scaglie per centimetro.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comoprtamento[modifica | modifica wikitesto]

È una specie semi-acquatica, notturna con limitata attività diurna. Costruisce nidi a cupola con erba e altre parti vegetali, situati al suolo e provvisti di una corta via di fuga.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di steli e germogli di piante acquatiche e occasionalmente di insetti.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Danno alla luce 2-9 piccoli alla volta tra agosto e marzo.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa nell'Angola centro-occidentale e sud-orientale, Namibia nord-orientale, Botswana settentrionale e Zambia sud-occidentale.

Vive nei prati umidi ed altre zone con presenza d'acqua.

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerata l'assenza di sufficienti informazioni sull'estensione del proprio areale, la storia naturale, le eventuali minacce e lo stato conservativo, classifica D.nudipes come specie con dati insufficienti (DD).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Taylor, P.J. & Boitani, L. 2008, Dasymys nudipes in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Dasymys nudipes in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Happold, 2013

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • David C.D.Happold, Mammals of Africa. Volume III-Rodents, Hares and Rabbits, Bloomsbury, 2013. ISBN 9781408122532

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi