Dasyatis centroura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Trigone spinoso
Dasyatis centroura.jpg
Un esemplare di Dasyatis centroura
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Chondrichthyes
Sottoclasse Elasmobranchii
Ordine Rajiformes
Famiglia Dasyatidae
Genere Dasyatis
Specie D. centroura
Nomenclatura binomiale
Dasyatis centroura
Mitchill, 1815
Sinonimi

Dasyatis hastata

Nomi comuni

Trigone spinoso
Razza dalla coda spinosa

Areale

Dasyatis centroura rangemap.png

Il trigone spinoso o razza dalla coda spinosa (Dasyatis centroura Mitchill, 1815) è una grande razza della famiglia Dasyatidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è distribuita nei mari subtropicali e temperati di entrambe le sponde dell'Oceano Atlantico a nord fino al Portogallo, è presente anche nel mar Mediterraneo comprese le acque italiane, dove non è comune. Predilige i fondali sabbiosi e limosi della fascia costiera fino ad oltre 60 metri di profondità.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Un esemplare di Dasyatis centroura

Con una lunghezza che può raggiungere i 220 cm, questa pastinaca può essere scambiata a prima vista con la Dasyatis americana, dalla quale può venire distinta per la presenza di vari tubercoli spinosi sul dorso e lungo la coda. Il corpo è spesso e massiccio, con piccoli occhi seguiti da evidenti spiracoli. La robusta coda è dotata di uno o più aculei seghettati e veleniferi. La colorazione dorsale varia dal grigio-nero al brunastro, mentre quella ventrale è solitamente bianca.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Trascorre il tempo semisommersa nella sabbia cacciando all'agguato e si nutre principalmente di invertebrati bentonici e piccoli pesci.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

È una specie ovovivipara.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tortonese E. Leptocardia, Ciclostomata, Selachii, Calderini, 1956

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Dasyatis centroura in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci