Daryl Hall

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Daryl Franklin Hohl, noto come Daryl Hall (San Francisco, 11 ottobre 1946), è un cantante e tastierista statunitense.

Daryl Hall
Fotografia di Daryl Hall
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Pop
Rock
Soul
Periodo di attività 1967-?
Strumento Voce, chitarra
Etichetta Atlantic Records, RCA Records, Epic Records, Arista Records
Gruppi Hall & Oates
Sito web

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Fece parte del gruppo degli Hall & Oates dal 1969; è anche autore di alcuni album.

Anni ottanta[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1985 partecipò ad USA for Africa, un supergruppo di 45 celebrità della musica pop tra cui Michael Jackson, Lionel Richie, Stevie Wonder e Bruce Springsteen, cantando We Are the World prodotta da Quincy Jones e incisa a scopo benefico. I proventi raccolti con We Are the World furono devoluti alla popolazione dell'Etiopia, afflitta in quel periodo da una disastrosa carestia. Il brano vinse il Grammy Award come "Canzone dell'anno", come "Disco dell'anno", e come "Miglior performance di un duo o gruppo vocale pop".

Anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1993 esce il suo album "Soul Alone". Nel 1994 compone "Gloryland", canzone che divenne la colonna sonora ufficiale del Campionato mondiale di calcio 1994 svolti negli Stati Uniti e nel 1996 pubblica "Can't Stop Dreaming". Nel 1990 insieme a John Oates pubblicano l'album so close che segna la loro separazione che dura 7 anni. tornano insieme nel 1997 con l'album marigold sky.

Anni 2000[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 2007, Daryl ospita nello studio di casa sua vecchie glorie e nuovi cantanti, con i quali interpreta le proprie e le loro canzoni, nella trasmissione web tv Live from Daryl's House.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

  • Sacred Songs (1980)
  • Three Hearts in the Happy Ending Machine (1986)
  • Soul Alone (1993)
  • Can't Stop Dreaming (1996)
  • Live in Philadelphia (2004)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 100313845 LCCN: n84088339