Dario Ballantini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dario Ballantini nei panni di Roberto Maroni.

Dario Ballantini (Livorno, 13 ottobre 1964) è un imitatore, comico, pittore e attore italiano.

Tra gli imitatori più famosi in Italia, lavora anche come "inviato" di Striscia la notizia.

Comico ed imitatore[modifica | modifica sorgente]

È noto al grande pubblico per la collaborazione col programma televisivo Striscia la Notizia. Il suo debutto in televisione è avvenuto nel programma Ciao Gente di Corrado nel 1983.

Inviato come imitatore a feste, incontri e occasioni mondane, veste i panni di alcuni personaggi noti: Valentino, Gianni Morandi, Valentino Rossi, Vasco Rossi, Papa Francesco, Anna Maria Cancellieri, Luca Cordero di Montezemolo, Roberto Maroni, Michela Vittoria Brambilla, Nanni Moretti, Gino Paoli, Ignazio La Russa, Tony Renis, Matteo Renzi, Angelino Alfano, Margherita Hack, Giulia Bongiorno, Guido Bertolaso, Antonio Fazio ed altri personaggi.

Pittore[modifica | modifica sorgente]

Dario Ballantini nei panni di Gianni Morandi.

Dopo aver frequentato un corso di tratteggio tenuto dal Prof. Giulio Guiggi (1912-1994) si iscrive all'indirizzo artistico del Liceo Sperimentale di Livorno, dove è allievo di Giancarlo Cocchia (1924-1987) e si diploma nel 1984. Finito il liceo comincia a partecipare ad esposizioni di gruppo nell'ambito Livornese-Toscano. Ad una rassegna "Rotonda Expo", il presidente del Senato Giovanni Spadolini sceglie una sua opera per la propria collezione privata. Nel 1989 tiene una mostra alla Galleria Teorema di Firenze.

La piece "Petrolini Petrolini" di cui è autore ed interprete viene rappresentata in occasione di un incontro con il pittore futurista Osvaldo Peruzzi (1907-2004) e figura in cartellone nel 2000 ad Asti teatro, rassegna diretta da Vittorio Sgarbi. Nel 2000 conosce il grafico Michele Rossi per il quale realizza i ritratti di alcuni personaggi dello spettacolo tra cui Bice Valori ed Erminio Macario per il Festival "Acquaviva nei fumetti" di Acquaviva Picena. Nel 2001 realizza una nuova esposizione alla Galleria Ghelfi di Verona.

Nell'ottobre del 2002 espone alla Galleria Borromeo di Padova. Intanto partecipa con il Gruppo Labronico a un'esposizione al Parlamento Europeo di Bruxelles. Nello stesso periodo espone a Milano alla galleria Artesanterasmo. Successivamente alle gallerie GMB di Vicenza, Bassano del Grappa e Madonna di Campiglio. Nel novembre 2003 partecipa all'esposizione collettiva "Da Fattori al Gruppo Labronico" alla galleria Athena di Livorno. È invece del febbraio 2004 la personale curata da Gian Ruggero Manzoni presso la galleria Gasparelli Arte Contemporanea di Fano. In seguito, a Genova, prepara la mostra "Fine del mito".

Nel luglio 2004 partecipa - presso la Casa Natale Modigliani di Livorno - alla mostra permanente "Modigliani e i suoi amici di oggi". Dopo Genova, nel corso del 2005 la mostra "Fine del mito" si svolge alla galleria Canci di Lerici, a Como presso la galleria ComoArte, a Cesenatico presso la galleria DZ Nuovo Segno, a Porto San Giorgio presso la galleria Imperatori. In occasione della premiazione "Telegatti 2005" viene riprodotta su porcellana un'opera realizzata appositamente per Tv Sorrisi e Canzoni e R101 e consegnata a tutti i premiati. Nel marzo 2006 il critico Luciano Lepri lo invita ad esporre alla Galleria Minerva di Perugia.

Nel maggio dello stesso anno il critico Fabio Marcelli cura l'allestimento di una sua mostra allo spazio "Regalobello" nelle "Ex Distillerie Montini" a Fabriano. Tra i visitatori c'è il cantautore Ivano Fossati, che decide di "vestire" il suo palco per il tour "L'Arcangelo" con le opere di Ballantini riprodotte in grande scala. Nel giugno 2006 Ballantini realizza l'etichetta personalizzata "Un Fiore per Ivan" in memoria di Ivan Graziani prodotta da Marcello Zaccagnini per la manifestazione annuale "Pigro". Nell'ottobre dello stesso anno, vince il premio "A.B.O." d'Argento per la pittura. Ad Art Verona 2006, allestisce uno spazio espositivo con le sue nuove opere all'interno dello stand della Galleria Artesanteramo.

Nel febbraio 2007 al Teatro piccolo Eliseo di Roma vengono proiettate le immagini di alcune sue opere durante la lettura di un testo di Oliver Py interpretato da Leo Gullotta nell'ambito della rassegna sulle nuove drammaturgie francesi. Nel 2007 ha esposto nuovamente alla Galleria Artesanterasmo, alla Galleria Rotaross di Novara alla Galleria Art Gallery di Alzano Lombardo, al Palazzo Robellini di Acqui Terme, alla Casa dell'Arte al Teatro di Piacenza ed alla Galleria Artequadri di Schiumerini a Cosenza. Nel febbraio 2008 alla Galleria del Palazzo Coveri di Firenze nell'aprile dello stesso anno a Castel dell'Ovo di Napoli.

Il 29 novembre inaugura la sua personale dal titolo "Visioni sommerse" alla Galleria 18 di Bologna. Dal 5 al 30 maggio 2009 espone la sua personale "Visioni sommerse" a Parigi, presso la Gallerie de l'Europe (Rue de Seine, 55, 75006 Paris) e dal 4 luglio al 5 settembre al castello di Bosses a Saint-Rhémy-en-Bosses (AO), con la cura di Alessandro Parrella e Massimo Licinio Management. Nel settembre 2010 con "Labirinti Esistenziali" curata dal critico Nicola Davide Angerame, espone all'ex Chiesa Anglicana di Alassio.

Attore[modifica | modifica sorgente]

Nel 1991 compare brevemente come comparsa all'inizio del film Zitti e mosca di Alessandro Benvenuti come imitatore di Ray Charles e Lucio Dalla. Nel 1999 recita nei film Baci e abbracci di Paolo Virzì e Il pesce innamorato, diretto e interpretato da Leonardo Pieraccioni. Nel 2008 recita nella serie televisiva di Canale 5 Carabinieri. Nel 2010 è diretto da Paolo Virzì nel film La prima cosa bella, Nel 2011 appare nel film Manuale d'amore 3, diretto da Giovanni Veronesi.

Alcune mostre[modifica | modifica sorgente]

  • 2003 Milano, "Oltre lo sguardo" Galleria Arte Santerasmo
  • 2009 Parigi, "Visioni Sommerse" Gallerie de l'Europe

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Luciano Caprile - Oltre lo sguardo catalogo mostra 2003
  • Giancarlo Vigorelli - Oltre lo sguardo catalogo mostra 2003
  • Franchino Falsetti" - Visioni Sommerse catalogo di Parigi 2009
  • Arte - Giorgio Mondadori Editore maggio 2009
  • Alice Barontini - Il Tirreno 9 maggio 2009
  • Artimes magazine di arte contemporanea - Dario Ballantini
  • Tony di Corcia, Valentino: ritratto a più voci dell'ultimo imperatore della moda, Torino, Lindau, 2013, ISBN 9788867081547

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]