Daredevil (personaggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il personaggio dei fumetti Marvel Comics noto in originale come "Daredevil", vedi Devil (Marvel Comics).
Daredevil
DDGoldenAge5.jpg
Lingua orig. Inglese
Alter ego Bart Hill, Reddevil, Doubledare, The Death-Defying 'Devil
Autori
Editore Lev Gleason Publications
AC Comics
Image Comics
Dynamite Entertainment
1ª app. settembre 1940
Sesso Maschio

Daredevil è un personaggio immaginario, un supereroe comparso nei fumetti pubblicati dalla Lev Gleason Publications tra gli anni trenta e quaranta, periodo definito Golden Age. Il personaggio è separato e non correlato con il più famoso supereroe omonimo della Marvel Comics. Anche se il Daredevil originale smise di comparire nelle storie originali verso la fine del decennio, ebbe un forte impatto sulle generazioni di futuri creatori di fumetti, influenzati dalla capacità di raccontare, grintosa e varia, del suo prominente scrittore e illustratore, Charles Biro.

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Lev Gleason Publications[modifica | modifica wikitesto]

Il Daredevil originale fu creato da Jack Binder per riempire le ultime otto pagine del fumetto Silver Streak n. 6 (settembre 1940). L'editore Jack Cole, il quale creò Plastic Man un anno dopo, rinnovò il personaggio nel numero successivo facendolo diventare l'antagonista del personaggio principale di Silver Streak, il criminale Claw, in una battaglia che lo vide vincitore dopo cinque numeri. L'ultimo fumetto venne scritto da Don Rico, lo stesso che avrebbe scritto le storie del personaggio fino al n. 17 (dicembre 1941).

All'epoca, l'editore Lev Gleason aveva lanciato la sua serie dedicata a Daredevil con Daredevil Battles Hitler n. 1 (marzo 1941), in cui Daredevil e altri eroi di Silver Streak combattevano il Führer. Come con Captain America n. 1 (marzo 1941), in cui Hitler si beccava un calzino malamente cacciato in bocca, il fumetto anticipò il coinvolgimento degli Stati Uniti nella seconda guerra mondiale. Fu scritto e parzialmente illustrato da Charles Biro, il quale continuò a lavorarci fino a Daredevil Comics n. 2 rendendolo, nei suoi sedici anni di uscite, uno dei personaggi più amati e acclamati della Golden Age. Biro riscrisse le origini di Daredevil nel n. 18 (agosto 1943), descrivendone anche l'identità segreta, Bart Hill, come un uomo cresciuto dagli aborigeni nell'entroterra australiano.

Biro introdusse popolari personaggi di supporto come i Little Wise Guys in Daredevil n. 13 (ottobre 1942), ovvero una "kid gang" simile alla Newsboy Legion della DC Comics formata da Curly, Jocko, Peewee, Scarecrow e Meatball - quest'ultimo, con audacia irreprensibile, fu ucciso due numeri dopo. Verso la fine degli anni '40, divenuti fuori moda i super eroi, i Little Wise Guys vennero ulteriormente valorizzati, facendo sì che Daredevil venisse accantonato definitivamente nel n. 70 (gennaio 1950). La serie continuò fino al n. 134 (settembre 1956).

Altre case editrici[modifica | modifica wikitesto]

Daredevil è di pubblico dominio, perciò molte case editrici lo hanno utilizzato in numerose occasioni.

AC Comics[modifica | modifica wikitesto]

Verso la fine degli anni ottanta, la AC Comics riprese Daredevil come parte del suo universo super eroistico. Rinominato Reddevil, comparve come personaggio ospite in Femforce n. da 45 a 50, prima di ottenere un ruolo principale nell'auto conclusivo Reddevil n. 1 (1991).

First Publications[modifica | modifica wikitesto]

Daredevil fu uno dei tanti eroi della Golden Age che comparve nella miniserie Alter Ego di Roy Thomas. Qui fu soprannominato Doubledare.

Image Comics[modifica | modifica wikitesto]

Daredevil, come molti eroi della Golden Age di pubblico dominio, compare in Nex Issue Project della Image Comics, guidato dall'editore della Image Erik Larsen.

È comparso anche nel n. 141 della serie Savage Dragon di Larsen, numero in cui sono ricomparsi diversi super eroi della Golden Age. In Savage Dragon n. 148 Daredevil debuttò come membro di supporto regolare della serie, e nello stesso numero sono stati riportati in vita anche i Little Wise Guys.

Dynamite Entertainment[modifica | modifica wikitesto]

Una variante del personaggio di Daredevil è comparso nella serie a fumetti Progetto Superpoteri dello scrittore Jim Krueger e dell'artista Alex Ross. Nella serie, fu rinominato The Death-Defying 'Devil (dall'inglese, Il Diavolo che Sconfigge la Morte). Nel 2008, la Dynamite Entertainment ne ha ricavato una miniserie dedicata interamente al personaggio, scritto da Joe Casey con illustrazioni di Edgar Salazar. Nella serie, una persona del "passato" di Devil - che indossava una versione verde del costume di Devil e autonominatosi "Dragon" - credeva che l'eroe ritornato fosse un impostore, ed era determinato a esporre tale teoria. Si è scoperto così che Dragon era Curly, ex membro dei Little Wise Guys, il quale ha rivelato che il vero Devil "era morto nel 1987".

Metahuman Press[modifica | modifica wikitesto]

Nel sito web immaginario Metahuman Press, la storia di Nicholas Ahlhelm, Living Legends, presentava una versione moderna e misteriosa di Daredevil in cui, dopo aver passato anni sotto la tortura di Claw, venne rinominato il Codardo.

Wild Cat Books[modifica | modifica wikitesto]

Daredevil comparve anche in Legends of the Golden Age, un'antologia incentrata su lui e Black Terror. Barry Reese contribuì a una delle storie riportate nell'antologia, che fu pubblicata nel gennaio 2009 dalla Wild Cat Books.

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Da bambino, Bart Hill fu reso muto dallo shock per aver visto suo padre assassinato e perché marchiato da un pezzo di ferro incandescente. Orfano, crebbe per diventare un lanciatore di boomerang, come omaggio alla cicatrice a forma di boomerang lasciata sul suo petto. Come Batman, introdotto anni prima, indossò un costume per intraprendere la vendetta del vigilante.

Dopo la sua parziale rinnovazione dovuta al numero seguente dal suo debutto, rimasero invariati solo l'identità di Hill, la cintura a spillo e il boomerang; la storia del mutismo fu abbandonata senza motivo e il suo costume, simmetricamente diviso tra un pallido giallo e un blu scuro, venne rimpiazzato dai colori rosso scuro e blu.

Eredità[modifica | modifica wikitesto]

In onore al Daredevil della Golden Age, il Devil della Marvel (in originale Daredevil) avrebbe indossato un costume simile nella serie Mutant-X, ambientato in una realtà alternativa, in Mutant-X Annual 2001. In più, lo speciale di Daredevil del 2000 aveva un gruppo basato su Little Wise Guys. Un omaggio simile, ma precedente, avvenne nella serie Kingdom Come della DC Comics, in cui un personaggio – Peter Cannon, alias Thunderbolt – indossava un costume molto simile a quello del Daredevil della Golden Age.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Fumetti Portale Fumetti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Fumetti