Darcy Robinson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Darcy Robinson
Dati biografici
Nome Darcy Anthony Robinson
Nazionalità Canada Canada
Italia Italia
Altezza 194 cm
Peso 108 kg
Hockey su ghiaccio Ice hockey pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Tiro Destro
N° maglia 5 (Ritirato dall'Asiago)
Carriera
Periodo Squadra PG G A Pt
Giovanili
1997-2001 Saskatoon Blades Saskatoon Blades 224 12 26 38
2001 Red Deer Rebels Red Deer Rebels 50 2 6 8
Squadre di club0
2001-2005 WBS Penguins WBS Penguins 165 4 18 22
2001-2005 Wheeling Nailers Wheeling Nailers 16 2 4 6
2005-2007 Asiago Asiago 66 10 7 17
NHL Draft
1999 Pittsburgh Penguins Pittsburgh Penguins 233a scelta ass.
0 Dati relativi al campionato e ai playoff.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 23 dicembre 2012

Darcy Anthony Robinson (Kamloops, 3 maggio 1981Asiago, 27 settembre 2007) è stato un hockeista su ghiaccio canadese naturalizzato italiano. Era un difensore di stecca destra.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

L'esordio nelle serie giovanili canadesi fu con i Saskatoon Blades, nella Western Hockey League, nel 1997. In tre stagioni e parte della quarta raccolse 210 presenze in stagione regolare (oltre a 14 nei play-off) e fu scelto dai Pittsburgh Penguins (8º giro, 233a scelta assoluta). Tuttavia, non indossò mai la casacca della squadra NHL. Terminò la stagione 2000-2001 ancora in WHL con i Red Deer Rebels, per poi dividersi nelle stagioni successive tra Wheeling Nailers (ECHL) e Wilkes-Barre/Scranton Penguins (AHL)[1].

Nel 2005 approdò in Italia, all'Asiago Hockey, fortemente voluto dal tecnico Tony Martino[2], insieme al fratello Ryan. Qui mise in mostra il suo hockey molto fisico[3]: 111 minuti di penalità nelle 40 partite della prima stagione, 66 nella seconda (26 partite giocate, in una stagione segnata da un infortunio a un'anca[2]).

Avendo il passaporto italiano (la mamma era italiana), e avendo giocato per due stagioni in Italia, Robinson era eleggibile per la nazionale italiana. Il ct Mickey Goulet lo convocò nel febbraio 2007 in occasione di una tappa dell'Euro Ice Hockey Challenge, ma non lo schierò mai[4].

Durante la prima partita della stagione 2007-08 fra Asiago e Renon, al 3'49" del primo tempo[5], Robinson si accasciò al suolo privo di sensi. A nulla valse il rapido intervento dei sanitari: Robinson morì all'ospedale di Asiago pochi minuti dopo il suo arrivo[6]. In un primo momento si pensò ad un infarto[5], due giorni dopo venne avanzata l'ipotesi di un aneurisma[7], ma l'autopsia ordinata dalla procura di Bassano del Grappa[8] ha smentito entrambe le ipotesi[9]. Soltanto dopo un'attesa di oltre sette mesi, il 13 maggio 2008 furono resi noti i risultati di una perizia più approfondita: fu escluso l'uso di sostanze dopanti e si stabilì la causa del decesso in una cardiomiopatia aritmogena ventricolare destra, che ha origine genetica ed è difficilmente riscontrabile dalle analisi[10].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Darcy Robinson - player profile and career stats. URL consultato il 28 settembre 2007.
  2. ^ a b Gigi Sosso, Era in Italia da tre anni con gli stellati in Corriere delle Alpi, 28 settembre 2007. URL consultato il 14 maggio 2008.
  3. ^ Darcy Robinson's profile at hockeydb.net. URL consultato il 28 settembre 2007.
  4. ^ Nazionale: I convocati per l'Euro Ice Hockey Challenge, 31 gennaio 2007. URL consultato il 28 settembre 2007.
  5. ^ a b Michele Bolognini, Robinson muore sul ghiaccio colpito da infarto in Alto Adige (quotidiano), 28 settembre 2007, p. 56.
  6. ^ Marco Lottaroli, Asiago, tragedia in campo. Muore Darcy Robinson, 27 settembre 2007. URL consultato il 29 settembre 2007.
  7. ^ Un aneurisma può aver stroncato Darcy, 29 settembre -2007. URL consultato il 1 ottobre 2007.
  8. ^ Hockeista morto in campo, la Procura indaga, 28 settembre 2007. URL consultato il 1 ottobre 2007.
  9. ^ Morte Robinson: esclusi infarto e aneurisma, 1 ottobre 2007. URL consultato il 1 ottobre 2007.
  10. ^ Michele Bolognini, Robinson è morto di malattia in Alto Adige (quotidiano), 14 maggio 2008, p. 36. URL consultato il 14 maggio 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]