Dante Manfredi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Dante Manfredi (Castro dei Volsci, 20 ottobre 1923Roma, 7 dicembre 2007) è stato un medico, chirurgo e oncologo italiano, fratello del celebre attore Nino Manfredi; è stato anche il fondatore dell'ALT, l'Associazione Lotta ai Tumori ONLUS.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1930 si è trasferito con la famiglia dal paese d'origine a Roma, dove ha frequentato le scuole secondarie di primo e secondo grado.

Dopo l'8 settembre 1943, chiamato con il fratello al servizio di leva, si è rifugiato in montagna, sopra Cassino, vivendo per un anno alla macchia e nel 1944 è ritornato a Roma, dove ha assistito all'arrivo degli alleati.

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l'Università "La Sapienza" di Roma è stato allievo del Prof. Pietro Valdoni sino al conseguimento della Libera Docenza in chirurgia generale. Diventato primario chirurgo dell'Ospedale di Viterbo, rientra a Roma per fondare, nel 1972, la divisione di urologia dell'Istituto Tumori Regina Elena di Roma, dirigendola sino al 1976, per passare poi a dirigere la II divisione di chirurgia Oncologica sempre nello stesso istituto.

È in questo periodo che acquista notorietà internazionale divulgando nel mondo medico occidentale la tecnica della "digitoclasia" nelle resezioni epatiche. Nel 1988, raggiunti i limiti di età, si è completamente dedicato alla Associazione Lotta ai Tumori (ALT) da lui creata. Questa associazione, senza scopo di lucro, è destinata a fornire assistenza domiciliare gratuita ai malati terminali di tumore e ad attuare un'opera di prevenzione ed informazione sui tumori.

Contemporaneamente ha interpretato, a livello amatoriale, alcune commedie del fratello Nino finalizzate alla raccolta dei fondi per l'ALT; è stato interprete in Parole d'amore parole a Gaeta, ed ha interpretato la figura del parroco nel film La carbonara di Luigi Magni.

È morto nella sua abitazione romana all'età di 84 anni.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]