Dante Bernini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dante Bernini
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
Titolo Albano
Incarichi attuali Vescovo emerito di Albano
Nato 20 aprile 1922 a La Quercia
Ordinato presbitero 12 agosto 1945
Consacrato vescovo 8 dicembre 1971

Dante Bernini (La Quercia, 20 aprile 1922) è un vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Viterbo in località La Quercia, conosciuta per l'omonimo santuario mariano, fu ordinato sacerdote il 12 agosto 1945.[1][2]

Nominato vescovo ausiliare della sede suburbicaria di Albano, titolare di Assidona il 30 ottobre 1971[1][2], ricevette l'ordinazione episcopale l'8 dicembre 1971 dal vescovo di Viterbo Luigi Boccadoro.[1][2]

Promosso alle sedi suburbicarie di Velletri e Segni il 10 luglio 1975[1][2], l'8 aprile fu trasferito alla sede di Albano[1][2]: mantenne la carica fino al 13 novembre 1999, quando per raggiunti limiti d'età assunse il titolo di vescovo emerito della stessa sede albanense.[1][2]

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • D. Bernini, C. Strinati, A. Lo Bianco, M. P. D'Orazio, Capolavori da salvare, inserto ad Art Dossier anno I n° 6 (ottobre 1986).[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Dante Bernini, Conferenza Episcopale Italiana. URL consultato il 28-06-2009.
  2. ^ a b c d e f (EN) Dante Bernini, Catholic Hierarchy. URL consultato il 28-06-2009.
  3. ^ D. Bernini, C. Strinati, A. Lo Bianco, M. P. D'Orazio, Capolavori da salvare, Google Libri. URL consultato il 28-06-2009.