Danni somatici deterministici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I danni somatici deterministici, detti anche danni non stocastici[1] consistono in una degenerazione dei tessuti di un organismo vivente a causa di una sovraesposizione a radiazioni ionizzanti.

La causa scatenante è un’irradiazione forte e concentrata nel tempo come quella causata da un incidente nucleare o da un’irradiazione di tipo terapeutico molto elevata

Le principali caratteristiche dei danni deterministici sono:

  • Effetti a soglia: si manifestano solo se è superato un certo valore di dose in un dato intervallo di tempo; La soglia di dose è caratteristica per ogni tipo di effetto, la soglia di dose non è comune per tutti gli individui ma è diversa da persona a persona (es. un po’ come il tempo che impieghiamo per scottarci al sole) e non esistono soggetti che non risentono prima o poi degli effetti.
  • Effetti deterministici: colpiscono tutti coloro che sono irradiati con dosi superiori alla dose soglia, ovvero superiori alla soglia di sopravvivenza delle cellule nei tessuti interessati.
  • Sono precoci: in genere insorgono entro poche ore, giorni o settimane dopo l’irradiazione
  • Sono graduati: perché sono dose dipendenti, infatti la precocità e la gravità sono direttamente proporzionali alla dose.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ 1990 Recommendations of the International Commission on Radiological Protection.
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina