Danilo Poggiolini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
on. Danilo Poggiolini
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Camera dei deputati
Professione medico
Partito Partito Repubblicano Italiano
Legislatura IX, X, XI.
Gruppo Repubblicano
on. Danilo Poggiolini
Monogramma del Parlamento Europeo
Unione europea
Parlamento europeo
Partito Patto Segni
Legislatura IV
Gruppo Partito Popolare Europeo
Circoscrizione Italia Nord Occidentale

Danilo Poggiolini (Rocca San Casciano, 15 settembre 1932) è un medico e politico italiano.

Presidente della Federazione Nazionale Ordini Medici Chirurghi e Odontoiatri (FNOMCeO) verso la metà degli anni '90 ha apportato per la prima volta dopo oltre un ventennio delle modifiche al Codice Deontologico della categoria, specialmente in merito al rapporto medico/paziente ed al consenso informato. Precedentemente è stato Presidente dell'Ordine di Torino per oltre 18 anni; Segretario Nazionale del principale sindacato dei medici di famiglia (FIMMG) e successivamente Presidente; socio fondatore della Società Italiana di Medicina Generale (SIMG).

Iscritto al Partito Repubblicano Italiano, passò al Patto Segni quando il PRI si alleò con esso, poi, con la moglie Carla Mazzuca Poggiolini militò nel Movimento Repubblicani Europei (alleato del Partito Democratico), fin quando il Movimento, separatosi dal PRI nel 2001, tornò a confluire nel Partito Repubblicano.

Dopo essere stato Consigliere Comunale a Moncalieri e poi a Torino e tre legislature alla Camera dei deputati ('83, '87, '92) è stato eletto deputato al Parlamento Europeo alle elezioni del 1994, per le liste del Patto Segni. È stato vicepresidente della Commissione per la protezione dell'ambiente, la sanità pubblica e la tutela dei consumatori ed anche dell'Assemblea paritetica della convenzione fra gli Stati dell'Africa, dei Caraibi e del Pacifico e l'Unione europea (ACP-UE); membro della Delegazione per le relazioni con la Repubblica Popolare Cinese e della Delegazione per le relazioni con la Russia.

La sua relazione sul morbo di Alzheimer presentata al Parlamento Europeo è stata una delle rare approvate all'unanimità.


Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]