Danilo Mainardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« L'ecologia ci insegna che la nostra patria è il mondo. »
(Danilo Mainardi)
Danilo Mainardi negli anni ottanta

Danilo Mainardi (Dànilo[1]; Milano, 25 novembre 1933) è un etologo e divulgatore scientifico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio di Enzo Mainardi e Maria Soldi, nel 1956 si laurea in Scienze biologiche presso l'Università di Parma, con una tesi in zoologia. Nella stessa Università, ha insegnato dal 1967 fino al 1992 prima Zoologia, quindi Biologia generale, e infine Etologia, nelle facoltà di Scienze e di Medicina. Dal 1973 è direttore della Scuola di etologia del centro Ettore Majorana di cultura scientifica di Erice. Attualmente è professore ordinario di ecologia comportamentale presso la Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche Naturali dell'Università "Ca' Foscari" di Venezia.

È presidente onorario della LIPU (Lega italiana protezione uccelli), dopo esserne stato per molti anni presidente nazionale. È, inoltre, presidente onorario dell'Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti.

È stato direttore dell'Italian Journal of Zoology, organo dell'Unione Zoologica Italiana. Ha partecipato e partecipa tuttora a numerose trasmissioni televisive specialistiche, tra le quali Dalla parte degli animali, Almanacco del giorno dopo e le serie di Quark. Collabora con il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, con Casaviva e con Airone. È autore di oltre 200 pubblicazioni.

Attività di ricerca[modifica | modifica sorgente]

Si è occupato principalmente dell'evoluzione del comportamento sociale e sessuale. In particolare della scelta sessuale, dimostrando l'importanza dell'apprendimento precoce nel determinare le preferenze sessuali. Con i suoi studi sull'aggressività ha dimostrato che non esiste appetenza per questo comportamento.

Tra i risultati più importanti della sua ricerca[senza fonte] è sicuramente la scoperta che anche le specie animali posseggono in certa misura la capacità tipica dell'uomo di produrre e trasmettere cultura, di trasferire, cioè, da un individuo ad un altro, soluzioni di problemi e innovazioni.

L'originalità del suo metodo d'indagine sta nella evidenziazione icastica dei comportamenti attraverso la filmografia. La modalità-base con cui Mainardi sviluppa le sue ricerche consiste nel seguire i vari comportamenti degli animali quando questi ultimi devono affrontare particolari problem solving.

Onorificenze e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Ha vinto il premio Glaxo per la divulgazione scientifica. Nel 2003 ha ricevuto a Milano il premio "Campione" per la categoria "Ambiente"

Opere[modifica | modifica sorgente]

Scritti con Alessandro Minelli[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dànilo Mainardi su UAAR.it.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 102598044 LCCN: n80028323 SBN: IT\ICCU\CFIV\008607