Daniele Delli Carri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Daniele Delli Carri
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 183 cm
Peso 78 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Ritirato 2008
Carriera
Squadre di club1
1988-1990 Bisceglie Bisceglie 17 (1)
1990-1991 Torino Torino 0 (0)
1991-1992 Lucchese Lucchese 18 (0)
1992 Torino Torino 0 (0)
1992-1993 Lucchese Lucchese 31 (0)
1993-1994 Torino Torino 6 (0)
1994-1996 Genoa Genoa 42 (2)
1996-2000 Piacenza Piacenza 93 (3)
2000-2003 Torino Torino 87 (2)
2003-2004 Siena Siena 15 (0)
2004-2005 Fiorentina Fiorentina 36 (1)
2005-2007 Pescara Pescara 59 (2)
2007-2008 Foggia Foggia 5 (0)
2008 Lanciano Lanciano 6 (0)
Nazionale
1993-1994
1993
Italia Italia U-21
Italia Italia U-23
8 (0)
2 (0)
Palmarès
 Europei di calcio Under-21
Oro Francia 1994
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Daniele Delli Carri (Foggia, 18 settembre 1971) è un dirigente sportivo ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Esordisce nella stagione 1988-1989 con il Bisceglie (in C2)[1] dove rimane per due stagioni e mezzo collezionando 17 presenze e un gol. Nell'autunno del 1990 viene acquistato dal Torino per 200 milioni[1], senza ottenere presenze. Nella stagione 1991/92 passa in prestito alla Lucchese[2] in Serie B, giocando 18 partite.

Rientrato a Torino[3], viene nuovamente girato alla Lucchese, dove gioca da titolare totalizzando 31 presenze. Richiamato dalla società granata[4], esordisce in Serie A nella stagione 1993-1994 l'8 novembre 1993 nello 0-0 esterno contro il Napoli. A fine stagione le presenze sono in tutto 6.

Nella stagione successiva passa al Genoa, sempre in Serie A[5], alle dipendenze di Franco Scoglio che lo aveva già allenato a Lucca[6]. Con la maglia del Grifone gioca 21 partite segnando un gol; si ripete nella stagione 1995-1996, questa volta tra i cadetti, con altre 21 presenze e un gol, e conquista la Coppa Anglo-Italiana disputando la finale contro il Port Vale[7]. Resta in rossoblu anche per la stagione 1996-1997 totalizzando una sola presenza prima di tornare, in settembre, in Serie A al Piacenza[8], dove totalizza 20 presenze con un gol. A Piacenza resta per altri quattro anni, totalizzando in tutto 94 presenze e 3 gol.

Nell'ottobre del 2000 torna al Torino in cambio di Roberto Maltagliati[9], dove rimane per tre stagioni da titolare con 86 presenze e 2 reti, conquistando la promozione al termine del campionato di Serie B 2000-2001. Svincolatosi dai granata al termine della stagione 2002-2003, si trasferisce al neopromosso Siena[10] (15 presenze) e da gennaio alla Fiorentina in Serie B[11] dove gioca 15 volte e realizza un gol. Con i viola ottiene la promozione in Serie A, dove totalizza 21 presenze, prima di essere ceduto al Pescara in Serie B e totalizza 59 presenze con 2 gol tra il 2005 e il 2007. La stagione 2006-2007 è l'ultima in Serie B, come capitano[12] degli abruzzesi allenati da Davide Ballardini e in seguito da Aldo Ammazzalorso e Gigi De Rosa, che non evitano la retrocessione in Serie C1.

Nel 2007 si trasferisce in Serie C1 al Foggia, dove colleziona 5 presenze nella prima parte della stagione 2007-2008; nel gennaio 2008 rescinde il contratto per trasferirsi al Lanciano[13], dove conclude la carriera agonistica.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Ha fatto parte della Nazionale di calcio italiana Under 21 sotto la guida di Cesare Maldini, totalizzando 8 presenze e 2 reti[14] con la maglia azzurra. Ha fatto parte della Nazionale campione d'Europa nel biennio 1992-1994[15].

Dirigente[modifica | modifica sorgente]

Nel 2008 assume per una stagione la carica di direttore sportivo della Renato Curi Angolana[16], squadra di Serie D. Nel 2010 diventa direttore sportivo del Pescara[17], incarico che ricopre fino a maggio 2013, quando viene sostituito da Giorgio Repetto[18]. A partire dal luglio dello stesso anno ricopre il medesimo incarico nel Genoa[19], fino all'inizio di ottobre, quando viene rimosso dal ruolo contestualmente all'esonero di Fabio Liverani[20].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Torino: 2000-2001

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Genoa: 1996

Note[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]