Daniela Zini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Daniela Zini
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Slalom gigante, slalom speciale
Squadra CUS Milano[1]
Ritirata 1986
Palmarès
Mondiali 0 0 1
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Daniela Zini (Livigno, 30 maggio 1959) è un'ex sciatrice alpina italiana.

Specialista delle prove tecniche, è stata una delle prime sciatrici italiane, assieme a Claudia Giordani e a Maria Rosa Quario, a ottenere dopo Giustina Demetz risultati di rilievo in Coppa del Mondo, dove è riuscita a vincere due slalom speciali nei primi anni ottanta.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Stagioni 1975-1980[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essersi messa in luce fin dai Campionati italiani del 1975, vincendo due medaglie d'argento, la valtellinese ottenne il primo risultato internazionale di rilievo il 3 febbraio 1978 ai Mondiali di Garmisch-Partenkirchen 1978: 11ª in slalom speciale. Nella stessa specialità conquistò i primi punti in Coppa del Mondo l'8 gennaio 1979 a Les Gets, giungendo 6ª.

Il 9 gennaio 1980 conquistò il suo primo podio nel massimo circuito internazionale, un terzo posto sempre in slalom speciale, a Berchtesgaden, alle spalle della francese Perrine Pelen e dell'italiana Claudia Giordani. Partecipò quindi ai XIII Giochi olimpici invernali di Lake Placid 1980 - sua prima presenza olimpica - piazzandosi 7ª nello slalom speciale e non concludendo lo slalom gigante. Nella stessa stagione, il 9 marzo a Vysoké Tatry, conquistò in slalom speciale la sua prima vittoria in Coppa del Mondo.

Stagioni 1981-1986[modifica | modifica wikitesto]

L'8 dicembre 1980 colse il suo unico podio in slalom gigante, giungendo seconda dietro alla fuoriclasse svizzera Marie-Thérèse Nadig sul tracciato di Limone Piemonte in Italia. Partecipò nel 1982 ai Mondiali di Schladming, meritandosi la medaglia di bronzo nello slalom speciale - unica medaglia italiana in quell'edizione dei Mondiali - e classificandosi 7ª nello slalom gigante e 8ª nella combinata.

Il 23 gennaio 1984 vinse la sua seconda e ultima gara di Coppa del Mondo, lo slalom speciale di Limone Piemonte; ai XIV Giochi olimpici invernali di Sarajevo 1984 fu 25ª nello slalom gigante e 9ª nello slalom speciale. Il 14 gennaio 1985 a Pfronten giunse per l'ultima volta sul podio in Coppa del Mondo, classificandosi terza in slalom speciale, preceduta dalla compagna di squadra Paoletta Magoni e dall'elvetica Brigitte Oertli. Ottenne l'ultimo piazzamento in carriera con il 15º posto nello slalom speciale di Coppa del Mondo del 18 marzo 1986, che si tenne a Waterville Valley.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 9ª nel 1980
  • 11 podi:
    • 2 vittorie (entrambe in slalom speciale)
    • 4 secondi posti (1 in slalom gigante, 3 in slalom speciale)
    • 5 terzi posti (tutti in slalom speciale)

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica wikitesto]

Data Località Paese Specialità
9 marzo 1980 Vysoké Tatry Cecoslovacchia Cecoslovacchia SL
23 gennaio 1984 Limone Piemonte Italia Italia SL

Legenda:
SL = slalom speciale

Campionati italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Combinata: Seghi a quota sette in fisi.org, 28 marzo 2004. (archiviato dall'url originale il 1 agosto 2012).
  2. ^ Albo d'oro Gigante femminile Campionati Italiani Assoluti in fisi.org, 30 marzo 2014. (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).
    Albo d'oro Slalom femminile Campionati Italiani Assoluti in fisi.org, 30 dicembre 2013. (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).
    Campionati Italiani di sci alpino, l'albo d'oro della combinata femminile in fisi.org, 24 marzo 2011. (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]