Daniel Wretström

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Daniel Wretström (Municipalità di Salem, 15 ottobre 1983Municipalità di Salem, 8 dicembre 2000) è stato un attivista di estrema destra svedese.

Militante del gruppo neonazista Vit legion (Legione bianca), fu assassinato nella notte tra l'8 e il 9 dicembre 2000 in un agguato compiuto da un gruppo di antirazzisti[1].

Le indagini condussero all'arresto di sette persone, tra le quali venne individuato quale esecutore materiale dell'omicidio Khaled Odeh, condannato per questo al manicomio criminale. Degli altri componenti il gruppo, tre furono condannati a svolgere quaranta ore di lavori socialmente utili, due vennero condannati al pagamento di un risarcimento pari a 1800 corone svedesi mentre l'ultimo venne prosciolto.

A partire dal primo anniversario dell'omicidio, i gruppi neonazisti svedesi organizzano ogni anno in dicembre una marcia commemorativa a cui partecipano circa un migliaio di persone[2] provenienti principalmente dalla Scandinavia ma anche dalla Germania[3] e dagli Stati Uniti d'America, attribuendo a Daniel Wretström la qualifica di martire. Il gruppo neonazista Combat 18 lo acclama come "il moderno Horst Wessel".

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (SE) 2000 – Mordet, marschen, martyrskapet dal quotidiano Expo del 5 dicembre 2003
  2. ^ (EN) Servizi di sicurezza svedesi
  3. ^ (SE) La Svezia estrada skinhead tedeschi da TheLocal.se