Daniel Lewin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Daniel "Danny" Mark Lewin (in ebraico: דניאל (דני) מארק לוין; Denver, 14 maggio 1970New York, 11 settembre 2001) è stato un matematico, militare, programmatore, informatico e imprenditore statunitense.

Cenni biografici[modifica | modifica sorgente]

Daniel Lewin nacque a Denver il 14 maggio 1970 da una famiglia statunitense di origini ebraiche, figlio di Charles e Peggy Lewin e fratello di Jonathan e Michael Lewin. Crebbe a Gerusalemme per poi servire per quattro anni nel Sayeret Matkal, un commando d'élite dell'esercito israeliano, guadagnando il grado di capitano. Congedato con onore, Lewin divenne poi uno dei co-fondatori della Akamai Technologies, che fondò questa azienda nel 1998. Di fede ebraica, Lewin era sposato con Anne Lewin, da cui ebbe due figli: Itamar (nato nel 1993) e Eitan (nato nel 1996).

Morte[modifica | modifica sorgente]

Daniel Lewin è stato ucciso a bordo del volo American Airlines 11 durante gli attacchi dell'11 settembre 2001, apparentemente all'inizio del dirottamento dell'aereo. In una circolare del 2002 della FAA, autorità di amministrazione del traffico aereo degli Stati Uniti d'America, si afferma che Lewin possa essere stato assassinato dal dirottatore Satam al-Suqami dopo che aveva tentato senza successo di sventare il dirottamento.[1][2] Nella circolare della FAA è scritto che Lewin era seduto al posto 9B di business class, vicino ai dirottatori Mohammed Atta e Satam al-Suqami (che probabilmente era seduto proprio dietro). Si afferma inoltre che Satam al-Suqami abbia sparato a Lewin, ma poi la FAA ha rettificato dicendo che è stato sgozzato con un taglierino. In seguito Lewin venne elencato come la prima vittima dell'11 settembre e in suo onore l'incrocio tra Main Street e Vassar Street in Cambridge, Massachusetts, è stato chiamato "Danny Lewin Square".[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ FAA Memo, WorldNetDaily, 27 febbraio 2002. URL consultato il 28 giugno 2008.
  2. ^ (EN) The 9/11 Commission Report, National Commission on Terrorist Attacks Upon the United States, luglio 2004, cap. 1, pag. 5 (.pdf file).
  3. ^ Danny Lewin Square, The Tech Online Edition, 11 ottobre 2002. URL consultato il 28 giugno 2008.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie