Daniel Bomberg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.


Daniel Bomberg (Anversa, ... – Venezia, 1549) , tra i primi tipografi che hanno stampato libri in ebraico.

Cristiano nato in Belgio, fu attivo più che altro a Venezia tra il 1516 e 1549.[1]

Produsse una editio princeps del Mikraot Gedolot, la Bibbia rabbinica, che comprende il testo ebraico insieme ai commentari rabbinici, negli anni 1516 e 1517, e la prima e più antica serie completa di volumi del Talmud, tra il 1520 e il 1523, una buona copia dei quali fa parte della collezione Valmadonna Trust Library ora a Londra.

Bomberg trovò un pubblico di lettori pronti e disponibili negli ebrei italiani, il cui numero era drammaticamente aumentato dopo le espulsioni di Spagna e Portogallo. Le presse di Bomberg eventualmente produssero circa 230 libri in ebraico e le sue innovazioni tipografiche in quella lingua fissarono lo standard per i tipografi successivi.

L'edizione del Talmud di Bomberg venne in seguito considerata la versione "incensurata", cioè integrale e non vagliata dai censori cristiani.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ A. M. Habermann, Ha-Madpis Daniel Bomberg u-Reshimat Sifre Beth Defuso (Lo stampatore Daniel Bomberg e la lista di libri pubblicati dalla sua tipografia) (1978) in ebraico.
  2. ^ Amnon Raz-Krakotzkin, The Censor, the Editor, and the Text: The Catholic Church and the Shaping of the Jewish Canon in the Sixteenth Century, trad. (EN) Jackie Feldman, Philadelphia: University of Pennsylvania Press, 2007. viii + 314 pp. index. bibl. p.104. ISBN 978-0-8122-4011-5

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]