Dance punk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dance punk
Origini stilistiche Post-punk
Punk rock
Dance
Alternative rock
Electronic rock
Disco
Big Beat
Origini culturali USA e Regno Unito, anni ottanta
Strumenti tipici Chitarra
Basso
Batteria
Tastiera
Sintetizzatore
Popolarità Genere di popolarità crescente negli anni 2000
Generi derivati
Digital hardcore
Generi correlati
Punk rock - Dance - Synth rock - Punk revival
Categorie correlate

Gruppi musicali dance punk · Musicisti dance punk · Album dance punk · EP dance punk · Singoli dance punk · Album video dance punk

La dance punk, chiamata anche disco-punk , è un sottogenere musicale del punk rock e della musica dance, per molto tempo considerato associato al post-punk. La dance punk unisce gli elementi canonici della musica da discoteca di fine anni settanta e dei giorni nostri insieme al punk rock tradizionale, basandosi talvolta anche su ritmiche derivate dal funk.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La dance punk nasce come un genere legato alla musica new wave, sviluppandosi in due aree geografiche: a New York e in Regno Unito. Verso la fine degli anni '70, probabilmente James Chance dei James White and Blacks, coniò per la prima volta il termine disco-punk, per indicare quella corrente musicale di artisti che si sviluppo a New York nella scena underground, che fondeva il punk rock con la musica da discoteca. Ma bisogna aspettare all'inizio degli anni '80, quando i The Clash pubblicavano London Calling e Sandinista![1], album che sancivano la chiusura definitiva dell'era del punk britannico e dell'inizio delle contaminizioni con altri generi quali lo ska e appunto la dance. Tra le altre band che fondevano il punk rock con la musica dance vi erano Buzzcocks, Ultravox, Talking Heads, Devo, Blondie, The Cars, The Pop Group e Gang of Four[2][3][4].

Quando la techno divenne popolare tra gli anni '80 e gli anni '90, alcune band post-punk vennero influenzate dal genere. I gruppi madchester della fine degli anni 80, come Happy Mondays, ripresero una forma della dance-punk influenzata dalla scena rave[5]. Questo sviluppo fu seguito dai gruppi britpop, come Blur, e da una piccola ala dell'elettronica big beat[5].

Il termine dance punk riemerse all'inizio del XXI secolo per coniare il nome di tale musica[3]. Lo stile venne portato avanti da band influenzate dal punk come Liars e Radio 4, così come gruppi influenzati dal punk come Out Hud. Altre band come Liars, !!!, LCD Soundsystem, The Rapture, Radio 4 e Klaxons vennero catalogati come via di mezzo tra i due generi. Vi fu poi una successiva fusione della dance-punk con altri generi, con band come Q and Not U che esplorano gli aspetti della dance-punk, insieme al post-hardcore e altri stili musicali.

Gruppi dance punk[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Sandinista!, Allmusic.com. URL consultato il 04-12-2009.
  2. ^ (EN) Gang of Four. URL consultato il 04-12-2009.
  3. ^ a b (EN) Dance-punk ends scenester dormancy, Atlanta.creativeloafing.com. URL consultato il 04-12-2009.
  4. ^ (EN) Talking Heads, Allmusic.com. URL consultato il 04-12-2009.
  5. ^ a b (EN) Happy Mondays, Allmusic.com. URL consultato il 04-12-2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

punk Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk