Dana Wynter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dana Wynter

Dana Wynter, nome d'arte di Dagmar Wynter (Berlino, 8 giugno 1931Ojai, 5 maggio 2011), è stata un'attrice cinematografica e televisiva britannica naturalizzata statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia del medico inglese Peter Wynter e dell'ungherese Jutta Oarda, Dana Wynter nacque a Berlino, trascorse l'infanzia in Inghilterra, quindi si trasferì con la famiglia in Sudafrica, dove studiò alla South Africa's Rhodes University e iniziò a recitare in produzioni teatrali studentesche come Through a Glass Darkly. Rientrata in Inghilterra, lasciò gli studi di medicina e intraprese definitivamente la carriera di attrice. Nel 1951 debuttò nel cinema, ricoprendo brevi ruoli, spesso non accreditati, in alcuni film britannici come Nuda ma non troppo (1951), una commedia sulla vicenda di Lady Godiva in cui ebbe quali partner alcune future star inglesi del grande schermo come Kay Kendall, Diana Dors e Joan Collins.

Mentre era impegnata nella rappresentazione della pièce Hammersmith, Wynter venne notata da un talent scout americano e, nel novembre 1953, si trasferì negli Stati Uniti, dove iniziò a lavorare per la televisione negli spettacoli Robert Montgomery Presents (1953), Suspense (1954) e Studio One (1955). Dopo un altro ruolo non accreditato nella pellicola I cavalieri della Tavola Rotonda (1953), nel 1955 l'attrice venne messa sotto contratto dalla Twentieth Century Fox e interpretò il ruolo di Dinah Blackford Higgins nel dramma sentimentale Il treno del ritorno (1955), al fianco di Richard Egan e Cameron Mitchell.

L'anno successivo venne scritturata per la parte di Becky Driscoll nel celebre film di fantascienza L'invasione degli ultracorpi (1956), un classico del genere interpretato anche da Kevin McCarthy, Larry Gates e Carolyn Jones. Il successo della pellicola consentì alla Wynter di ottenere ruoli da protagonista al fianco di celebri star maschili dell'epoca, come Robert Taylor in Operazione Normandia (1956), Rock Hudson e Sidney Poitier in Qualcosa che vale (1957), Mel Ferrer in Fräulein (1958), Robert Wagner in In amore e in guerra (1958), James Cagney e Don Murray in Il fronte della violenza (1959), Kenneth More in Affondate la Bismarck! (1960), Danny Kaye in Il piede più lungo (1961). Nel 1963 venne diretta da John Huston nel thriller I cinque volti dell'assassino (1963), in cui interpretò il ruolo dell'aristocratica Lady Jocelyn Bruttenholm, corteggiata dal misterioso George Brougham (Kirk Douglas), un assassino senza scrupoli.

Nella prima metà degli anni sessanta, l'attrice lasciò progressivamente il cinema per dedicarsi a tempo pieno alla televisione. Innumerevoli le sue partecipazioni a serie di successo, popolarissime anche all'estero, come Il virginiano (1963), Carovane verso il West (1961-1964), Gunsmoke (1967), Get Smart (1969), nelle quali continuò a distinguersi per l'aristocratica eleganza e bellezza.

Tra le sporadiche apparizioni sul grande schermo, sono da ricordare quelle nel catastrofico Airport (1970), nel western Vivo quanto basta per ammazzarti (1973) e nella commedia Il mio uomo è un selvaggio (1975), un film di produzione francese co-interpretato da Yves Montand. Durante gli anni settanta l'attrice continuò la sua attività televisiva con immutato successo, partecipando ad altre celebri serie come Ironside (1969-1973), Cannon (1973-1975), Ellery Queen (1976), di cui interpretò l'ultimo episodio (Il pugnale scomparso) nel ruolo della ricca Alyssa Hendricks Child, Fantasilandia (1979), Agenzia Rockford (1979).

Alla prima metà degli anni ottanta risalgono le ultime interpretazioni televisive di rilievo dell'attrice in Cuore e batticuore (1981), Love Boat (1979-1981) e Magnum P.I. (1982), con un'unica ricomparsa sui set televisivi negli anni novanta per il film Il ritorno di Ironside (1993), in cui interpretò Katherine, la moglie del detective protagonista.

Sposatasi nel 1956 con l'avvocato Greg Bautzer, legale di molte celebrità statunitensi, Wynter ebbe un unico figlio, Mark Ragan, nato nel 1960. Nel 1981 divorziò da Bautzer, continuando a dividere il proprio tempo tra le sue due residenze, una in California (ove è deceduta il 5 maggio 2011) e l'altra in Irlanda, nella contea di Wicklow.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 37118104 LCCN: no91003533