Damoetas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Damoetas
Immagine di Damoetas mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Sottordine Araneomorphae
Superfamiglia Salticoidea
Famiglia Salticidae
Sottofamiglia Myrmarachninae
Tribù Myrmarachnini
Genere Damoetas
Peckham & Peckham, 1886
Serie tipo
Scirtetes nitidus
L. Koch, 1880
Specie

Damoetas Peckham & Peckham, 1886 è un genere di ragni appartenente alla Famiglia Salticidae.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

L'unica specie oggi nota di questo genere è diffusa nelle regioni australiane del Queensland e del Nuovo Galles del Sud[1].

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Attualmente, a dicembre 2010, si compone di una sola specie[1]:

Specie trasferite[modifica | modifica sorgente]

  • Damoetas christae Prószynski, 2001; gli esemplari, rinvenuti nel Borneo, sono stati trasferiti al genere Myrmarachne MacLeay, 1839 con la denominazione di Myrmarachne christae (Prószynski, 2001) a seguito di uno studio degli aracnologi Edwards & Benjamin del 2009[1].
  • Damoetas galianoae Prószynski, 2001; gli esemplari, rinvenuti nel Borneo, sono stati trasferiti al genere Myrmarachne MacLeay, 1839 con la denominazione provvisoria di Myrmarachne galianoae (Prószynski, 2001); a seguito di uno studio degli aracnologi Edwards & Benjamin del 2009, ne è stata ravvisata l'omonimia con Myrmarachne galianoae Cutler, 1981, e quindi questi esemplari sono stati ridenominati come Myrmarachne mariaelenae Edwards & Benjamin, 2009[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d The world spider catalog, Salticidae
  2. ^ Specie tipo del genere.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • L. Koch, 1880 - Die Arachniden Australiens. Nürnberg, vol.1, p. 1157-1212
  • Peckham & Peckham, 1886 - Genera of the family Attidae: with a partial synonymy. Transactions of the Wisconsin Academy of Sciences, Arts, and Letters, vol.6, p. 255-342 (Articolo in PDF).

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi