Dalemiani e Bersaniani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I Dalemiani-Bersaniani sono una corrente d'ispirazione prevalentemente socialdemocratica che raggruppa gli uomini vicini a Massimo D'Alema e a Pier Luigi Bersani, Nicola Latorre, Barbara Pollastrini e Michele Ventura. I dalemiani propongono una linea diversa da quella di Veltroni in riferimento alle alleanze e alla struttura del partito. A questo gruppo storico si sono recentemente uniti Enrico Letta, alcuni ex-Ulivisti che avevano sostenuto la sua candidatura alle primarie del PD, tra i quali Paolo De Castro e Francesco Boccia[1][2], e alcuni Popolari, come Nicodemo Oliverio. Il gruppo è molto vicino alla Fondazione Italianieuropei, attorno alla quale ha formato un'associazione di parlamentari, denominata Riformisti e Democratici (ReD)[3][4], che comprende oltre cento eletti nelle file del PD[5][6]. Paolo De Castro, anello di congiunzione tra D'Alema e Prodi, è stato designato presidente, Lino Duilio, popolare ed ex-animatore di Italia Popolare - Movimento per l'Europa, vice presidente e Michele Ventura coordinatore.[7][8] In occasione delle elezioni primarie del 2009 il gruppo ha candidato e sostenuto Pier Luigi Bersani che ha vinto con il 53% dei voti contro il segretario uscente Dario Franceschini che ne ha invece sostenuti il 35%.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ D'Alema riunisce i suoi parlamentari Ticket Bersani-Letta. E allarga la corrente Corriere della Sera
  2. ^ Veltroni spegne il caminetto del Pd - LASTAMPA.it
  3. ^ Associazione Riformisti e Democratici – ReD
  4. ^ D' Alema lancia Red: non è anti-Walter
  5. ^ Rassegna Stampa
  6. ^ Presentazione dell'Associazione "Riformisti e Democratici" | RadioRadicale.it
  7. ^ Documento senza titolo
  8. ^ Pse, il piano segreto di D’Alema per non spaccare i democratici - Regione Autonoma della Sardegna