Daga a rondelle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Daga a rondelle
Daga a rondelle del XVI secolo
Daga a rondelle del XVI secolo
Tipo Pugnale
Origine Europa
Entrata in servizio XIV secolo
Descrizione
Lunghezza attorno ai 50 cm
Tipo di lama Lama in acciaio di forma romboidale, lenticolare o piramidale
Tipo di impugnatura Impugnatura cilindrica con un pomolo o una rondella nella parte terminale dell'impugnatura e con una rondella come guardamano

Voce dal sito myarmoury.com

voci di armi bianche presenti su Wikipedia

Una daga a rondelle è un pugnale originario dell'Europa del tardo medioevo (dal XIV secolo in poi), molto diffuso e utilizzato da una gran varietà di persone dai mercanti ai cavalieri. Era indossato alla vita e poteva essere utilizzato sia come utensile da lavoro che come pugnale in battaglia o come arma secondaria nei tornei.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La lama era in acciaio e in genere era lunga e sottile e con una punta molto appuntita, solitamente era lunga circa 30 cm; il pugnale intero invece arrivava anche ai 50 cm. La daga a rondelle prende il nome per il suo guardamano di forma circolare (o anche ottogonale) e un pomolo circolare o sferico nella parte terminale dell'elsa.

Il codolo della lama si estendeva per tutta la lunghezze dell'impugnatura, che era di forma cilindrica, di solito in legno o in osso. La lama era di solito di forma romboidale, lenticolare, piramidale. La punta era molto affilata e il filo poteva essere su uno o su entrambi i lati.

Era progettata per essere utilizzata in affondo mirando alle ascelle, o sul braccio brandendola con la presa inversa. Essi sarebbero inoltre sono stati utilizzati per il taglio. Tuttavia la lama è sufficientemente lunga e dritta per essere usata anche tirando fendenti. In battaglia, le daghe a rondelle erano utili per attraversare le cotte di maglia, infatti anche se non erano in grado di perforare le armature a piastre, potevano essere dirette verso le giunture della corazza e contro l'elmo. Questo era spesso l'unico modo con cui si poteva uccidere un cavaliere pesantemente corazzato.

Esistevano poi delle daghe a rondella con una lama con quattro lati, che era quindi a forma di croce. Potevano essere utilizzate solo per gli affondi, e non per i fendenti, o come utensile da lavoro; queste particolari daghe sarebbero state utilizzate come arma secondaria e quindi come arma di affondo, anticipando la comparsa dello stiletto del XVI secolo.[1][2]

Le daghe a rondelle sono presenti anche ai giorni nostri nei musei e nelle collezioni private, che solitamente erano prodotti di artigiani artistici, con incisioni nelle lame, impugnature intarsiate, e guardamano e pomoli molto decorati.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Harold Peterson, Daggers and Fighting Knives of the Western World, pp. 16-26
  2. ^ Roger Ford, Weapon: A Visual History of Arms and Armor, pp. 69 e 131

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Roger Ford, Weapon: A Visual History of Arms and Armor, Londra, DK Publishing Inc., 2006.
  • Harold Peterson, Daggers and Fighting Knives of the Western World, Dover Publications, 2002.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]