Dacian Cioloș

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Dacian Cioloş)
Dacian Cioloş
Dacian Ciolos February 2013.jpg

Commissario europeo per l'Agricoltura e lo Sviluppo Rurale
In carica
Inizio mandato 9 febbraio 2010
Presidente José Manuel Barroso
Predecessore Mariann Fischer Boel

Dacian Cioloş (Zalău, 27 luglio 1969) è un agronomo e politico rumeno. Dal 2010 è Commissario europeo per l'Agricoltura e lo Sviluppo Rurale nella Commissione Barroso II.

Estrazione, formazione e carriera professionale[modifica | modifica sorgente]

Cioloş è nato e cresciuto in un villaggio rurale della Transilvania[1]. I suoi nonni erano contadini[1].

Cioloş si è laureato alla facoltà di agraria dell'università di Cluj-Napoca nel 1994. Successivamente ha ottenuto delle borse di studio dallo stato francese, grazie a cui ha potuto studiare economia dello sviluppo rurale all'École nationale supérieure agronomique di Rennes e all'università di Montpellier 1, dove ha conseguito un master nel 1997 e un dottorato nel 2006[1].

Tra il 1991 e il 1996 Cioloş ha svolto degli stages in fattorie biologiche, ha preparato progetti di sviluppo rurale e ha lavorato in una camera di commercio per l'agricoltura in varie zone della Francia[1]. Nel 1997 ha fatto uno stage come economista rurale presso la Commissione europea e nel 2002-2003 ha lavorato presso la delegazione della Commissione europea in Romania, seguendo la realizzazione di un programma di sviluppo rurale e le politiche per la prepazione dell'ingresso del paese nell'Unione europea[1]. Dal 2005 al 2007 Cioloş è stato consigliere del ministro dell'agricoltura della Romania e membro della commissione speciale del Consiglio europeo sull'agricoltura.

Carriera politica[modifica | modifica sorgente]

Dopo l'ingresso della Romania nell'Unione europea, Cioloş è stato sottosegretario di stato per gli affari europei dal maggio all'ottobre 2007 e nell'ottobre 2007 è stato nominato ministro dell'agricoltura della Romania[1]. Ha lasciato l'incarico di ministro dopo la sconfitta della coalizione di governo nelle elezioni politiche del 2008.

All'inizio del 2009 Cioloş ha ripreso a lavorare per la Direzione generale per l'agricoltura e lo sviluppo rurale della Commissione europea e nel luglio di quell'anno il presidente rumeno Traian Băsescu lo ha nominato capo di una commissione annuale incaricata di analizzare politiche per lo sviluppo rurale.

Commissario europeo[modifica | modifica sorgente]

Nell'ottobre 2009 il governo guidato da Emil Boc ha indicato Cioloş come commissario Europeo della Romania. Anche se la nomina fu sostenuta dal presidente della repubblica Traian Basescu, Ciolos ha mantenuto un'autonomia significativa e gode di una reputazione particolarmente buona[1]. Nella scena politica rumena Cioloş è un indipendente, anche se a livello europeo è affiliato al Partito Popolare Europeo[2].

Il presidente della commissione José Manuel Barroso ha assegnato a Cioloş il portafoglio dell'agricoltura e dello sviluppo rurale, in virtù delle sue competenze e della sua visione dello sviluppo rurale[3]. Le competenze di Cioloş sono state riconosciute da vari osservatori, tuttavia la sua nomina ha sollevato anche delle critiche. Alcuni osservatori temevano infatti che i suoi forti legami con la Francia (rivendicati dallo stesso presidente francese Sarkozy) avrebbero offerto a quest'ultima un'influenza eccessiva sulle politiche agricole dell'Unione Europea, mentre altri erano preoccupati per i problemi nella gestione dei fondi comunitari per lo sviluppo rurale verificatisi in Romania[1][4][5].

Cioloş ha indicato come obiettivi per il suo mandato: la tutela del settore agricolo europeo per assicurare sicurezza alimentare, protezione dell'ambiente e conservazione delle campagne, l'aiuto alla lotta contro il surriscaldamento globale e il mantenimento di un livello di vita dignitoso per i contadini. Cioloş ha inoltre promesso un adattamento e delle riforme della Politica Agricola Comune[6]. Il 12 ottobre 2011 ha pubblicato le sue proposte per la revisione della politica agricola europea, in cui sostiene che l'Unione europea dovrebbe raddoppiare la propria produzione agricola entro il 2050[1].

Vita personale[modifica | modifica sorgente]

Cioloş è sposato con un'agronoma francese[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j (EN) Dan Alexe, The farm manager, European Voice, 13 ottobre 2011. URL consultato il 20 novembre 2011.
  2. ^ (EN) Barroso II: 13 EPP Commissioners receive key portfolios, Partito Popolare Europeo, 27 novembre 2009. URL consultato il 29 novembre 2010.
  3. ^ (EN) Joshua Chaffin, Barroso spells out new Commission’s agenda, Financial Times, 27 novembre 2009. URL consultato il 20 novembre 2011.
  4. ^ (EN) Philip Clarke, Romanian takes EU's top agriculture job, Farmers Weekly, 27 novembre 2009. URL consultato il 20 novembre 2011.
  5. ^ (RO) Mariana Apostol, Nemţii şi britanicii şi-au înfipt colţii în Cioloş ("I tedeschi e i britannici attaccano Cioloş"), Evenimentul Zilei, 29 novembre 2009. URL consultato il 20 novembre 2011.
  6. ^ (EN) Mandate, Commissario europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale. URL consultato il 20 novembre 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Commissario europeo
per l'Agricoltura e lo Sviluppo Rurale
Successore Flag of Europe.svg
Mariann Fischer Boel 9 febbraio 2010 - in carica -
Predecessore Commissario europeo della Romania Successore Flag of Romania.svg
Leonard Orban 9 febbraio 2010 - in carica -