DX Cancri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
DX Cancri
Cancer constellation map.svg
Classificazione Nana rossa
Classe spettrale M6,5 V
Tipo di variabile Stella a brillamento
Distanza dal Sole 11,82 a.l.
Costellazione Cancro
Coordinate
(all'epoca J2000)
Ascensione retta 08h 29m 49,5s
Declinazione 26° 46′ 37″
Dati fisici
Raggio medio 0,11 R
Massa
0,087[1] M
Periodo di rotazione 0,46 giorni[2]
Temperatura
superficiale
2 840 K (media)
Luminosità
0,000013[1] L
Indice di colore (B-V) 2,11
Età stimata <10 miliardi di anni
Dati osservativi
Magnitudine app. 14,90[3]
Magnitudine ass. 17,10[3]
Parallasse 275,80 mas
Moto proprio AR: −1112,2 mas/anno
Dec: −610,9 mas/anno
Velocità radiale +9,0 km/s
Nomenclature alternative
Gl 051-015, GCTP 2016.01, LHS 248, GJ 1111

DX Cancri è una stella vicina alla Terra, piccola e poco luminosa, nella costellazione del Cancro. Il nome DX Cancri si riferisce alla sua denominazione di stella variabile; è infatti una stella a brillamento soggetta a brevi e imprevedibili eruzioni che causano aumenti di luminosità fino a cinque volte la sua luminosità iniziale.

La stella, individuata da Willem Jacob Luyten, è localizzata a 11,82 anni luce dal Sole, a nord-est dell'ammasso del Presepe (M44 nel Catalogo di Messier).

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Nonostante la vicinanza DX Cancri è troppo debole per poter essere osservata ad occhio nudo. Si tratta infatti di una fredda e piccola nana rossa di classe spettrale M6.5Ve e con una temperatura superficiale di appena 2 840 K[4]. Possiede solo l'8,7% dell massa solare[1], l'11% del suo diametro[2] e circa 1,3 × 10−5  della sua luminosità. La sua massa è di poco superiore a quella necessaria per un corpo celeste perché possa fondere all'interno del suo nucleo lidrogeno in elio ed essere una stella vera e propria, piuttosto che una nana bruna.

La stella più vicina a DX Cancri è Procione[1], che a 5 anni luce di distanza brillerebbe di magnitudine −1,43 superando in luminosità Sirio, che a 9 anni luce sarebbe un po' meno luminoso che visto dalla Terra[5].

Abitabilità[modifica | modifica sorgente]

Un pianeta per essere nella zona abitabile dovrebbe trovarsi a solo 0,04 UA dalla stella. A quella distanza probabilmente avrebbe una rotazione sincrona presentando un emisfero sempre rivolto alla stella ed uno sempre in ombra. Inoltre la luce emanata da DX Cancri sarebbe così rossa da rendere difficile la fotosintesi clorofilliana delle piante di tipo terrestre, rendendo impossibile la vita così come la conosciamo[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e (EN) Descrizione della stella sul sito SOLSTATION
  2. ^ a b J. Morin, J.F. Donati, P. Petit, X. Delfosse, T. Forveille, M.M. Jardine, Large-scale magnetic topologies of late M dwarfs in Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, vol. 407, nº 4, pp. 2269–2286, DOI:10.1111/j.1365-2966.2010.17101.x. arΧiv:1005.5552
  3. ^ a b The 100 nearest star systems RECONS
  4. ^ Reiners, A.; Basri, G., The First Direct Measurements of Surface Magnetic Fields on Very Low Mass Stars in The Astrophysical Journal, vol. 656, nº 2, 2007, pp. 1121-1135.
  5. ^ Come verificato dal software di simulazione spaziale Celestia

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Le 20 stelle più vicine al sistema solare
α Centauri (Proxima · A · B) · Stella di Barnard · Wolf 359 · Lalande 21185 · Sirio (B) · Luyten 726-8 · Ross 154 · Ross 248 · ε Eridani · Lacaille 9352 · Ross 128 · EZ Aquarii · Procione · 61 Cygni · Gliese 725 · Groombridge 34 · ε Indi · DX Cancri · τ Ceti · Gliese 1061
stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni