DOA: Dead or Alive

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
DOA: Dead or Alive
DOA - Dead or Alive.jpg
Una scena del film.
Titolo originale DOA: Dead or Alive
Lingua originale Inglese
Paese di produzione USA
Anno 2006
Durata 87 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.35 : 1
Genere azione
Regia Corey Yuen
Soggetto J.F. Lawton
Sceneggiatura J.F. Lawton, Adam Gross, Seth Gross
Produttore Paul W.S. Anderson, Jeremy Bolt
Fotografia Chi Ying Chan, Kwok-Man Keung
Montaggio Ka-Fai Cheung, Eddie Hamilton, Angie Lam
Musiche Junkie XL
Scenografia Chung Kim Wai
Costumi Frank Helmer
Trucco Margaret Stevenson
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

DOA: Dead or Alive è un film del 2006 diretto da Corey Yuen. È basato sulla serie di videogiochi Dead or Alive, creata dal Team Ninja della Tecmo.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film iniziò le riprese il 4 marzo 2005, che si sono concluse il 19 luglio dello stesso anno. Tra i luoghi delle riprese spiccano Bangkok, Guilin, Heng Dian e Hong Kong. Il budget di produzione è ammontato a circa $21,000,000[1]. Lisa e Kokoro sono solo alcuni dei pochi personaggi che non sono apparsi nel film, mentre due nuovi personaggi, Maximillian "Max" Marsh, e Weatherby, sono stati creati appositamente per il lungometraggio.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Contattati dopo aver dimostrato le loro abilità, sedici combattenti vengono invitati al DOA, il torneo internazionale di arti marziali più famoso al mondo. Ogni combattente viene scelto in base alla sua arte di combattimento, scontrandosi con gli altri campioni che rappresentano un'arte marziale.

Kasumi, principessa ninja, viene scelta per il DOA dopo essere fuggita dal suo palazzo reale, atto di alto tradimento che la trasforma in una traditrice per il suo clan. Il prezzo da pagare è la morte, ma la ricerca di suo fratello, Hayate, è molto più importante per lei.

Christie, una ladra professionista, viene contattata dopo aver rapinato una banca ad Hong Kong, ed essere riuscita ad eludere la polizia di Hong Kong. Insieme a Max, che si prende il merito della rapina, viene invitata al torneo.

Tina, una prowrestler, riceve l'invito dopo aver messo K.O. un gruppo di pirati che volevano rubare il suo panfilo.

I partecipanti sono così invitati a salire a bordo di un aeroplano, che li porterà sull'isola dove si terrà il torneo. Non sanno però che devono raggiungere l'isola paracadutandosi e nuotando fino alla terra ferma, e raggiungere il centro DOA prima del tramonto. Se falliscono, verranno squalificati. Dopo essere arrivati sull'isola ed aver effettuato dei controlli, cominciano così i combattimenti diretti uno contro uno, che li porteranno alle finali del torneo. Intanto Ayane, ninja del clan di Kasumi, viene mandata sull'isola con il compito di uccidere quest'ultima. Finiscono per scontrarsi due volte, ma vengono interrotte in entrambi i casi.

I combattimenti procedono, sino a quando il ninja Hayabusa, decide di indagare sulla scomparsa del suo amico Hayate, lo stesso motivo per il quale Kasumi sta partecipando al DOA. Hayabusa riesce ad entrare nell'edificio principale, ma si ritrova in trappola. Notando la sua scomparsa, Kasumi, Christie e Tina entrano a loro volta per cercarlo, ma vengono catturate da Donovan, organizzatore del torneo.

Le ragazze si rendono subito conto del suo piano malvagio, il suo tentativo di creare l'arma umana perfetta e di venderla agli acquirenti di tutto il mondo. Usando il torneo per testare tutti i combattenti, Donovan riuscì ad immagazzinare tutti i loro stili di combattimento in un microchip, che se indossato dava istantanea conoscenza delle forme di combattimento. Scoprono inoltre che Donovan è il responsabile della cattura di Hayate, che viene finalmente liberato.

Donovan decide così di scappare dall'isola dopo che il suo piano fu smascherato, prendendo con sé tutto il denaro che era destinato al vincitore del torneo e inserendo l'autodistruzione per cancellare ogni prova sull'isola. Dopo uno scontro con Kasumi, Christie, Tina ed Helena, Donovan viene paralizzato tramite un ago di Kasumi, che gli blocca il sistema nervoso. I protagonisti riescono a fuggire dall'isola prima della sua distruzione, mentre Donovan ancora paralizzato, muore.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Il film è stato inizialmente distribuito l'8 settembre 2006, come in Italia, Australia, e Filippine. La BBFC lo ha classificato 15, IFCO 15A, OFLC M, e la MPAA PG-13.

Il film è stato poi distribuito in Nord America il 15 giugno 2007. Nel resto del mondo era già disponibile il DVD, contenente il documentario Making of e le scene tagliate. In America, il DVD è stato distribuito l'11 settembre 2007.

Il film ebbe successo negli Stati Uniti dopo aver raggiunto i $260,000 in una sola settimana. Fu proiettato in 505 cinema, durando 21 giorni. Nei box office stranieri guadagnò oltre $6,000,000. Il totale raggiunto dal film è $6,924,930.[2]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Leifang è presente nel film in un ruolo secondario e viene battuta da Gen Fu.
  • Milo Ventimiglia doveva interpretare Weatherby ma abbandonò quando vide la piega che stava prendendo il suo personaggio.
  • Nel film tutte le ragazze sono molto amichevoli tra di loro; nel videogioco, Helena ritiene Ayane colpevole dell'assassinio della madre, per poi scoprire che fu Christie ad ucciderla.
  • Negli intrecci originali del videogioco, Tina non incontra nessuno degli altri personaggi femminili, tranne uno scontro con Lei Fang e Hitomi.
  • Helena, nel videogioco, è una cantante lirica francese, mentre nel film c'è solo un'allusione forzata in cui Christie dice che Helena mostra il suo tatuaggio a tutti a Parigi.
  • La scena della partita di beachvolley è un riferimento al videogioco Dead or Alive Xtreme Beach Volleyball, spin-off della serie originale.
  • Allen, il cognome di Christie, non viene mai menzionato in nessun capitolo del videogioco.
  • Robin Shou, che qui interpreta il capo dei pirati, ha partecipato anche alla realizzazione di 'Mortal Kombat', altro film ispirato da un famoso videogioco di combattimenti.
  • Il film rappresenta il primo ruolo importante, nella carriera d'attrice, per la cantante australiana Holly Valance.
  • La mini-fotocamera con cui Max scatta alcune foto in piscina, in realtà è un comunissimo lettore musicale mp3 Sony.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Business Data for DOA: Dead or Alive, IMDb. URL consultato il 28 agosto 2006.
  2. ^ DOA: Dead or Alive (2007) - Box Office Mojo

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]