Dùn (Saint Kilda)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dùn
Dùn ripresa da Ruaival con Stac Levenish sullo sfondo a sinistra.
Dùn ripresa da Ruaival con Stac Levenish sullo sfondo a sinistra.
Geografia fisica
Localizzazione Oceano Atlantico
Coordinate 57°47′41″N 8°33′11″W / 57.794722°N 8.553056°W57.794722; -8.553056Coordinate: 57°47′41″N 8°33′11″W / 57.794722°N 8.553056°W57.794722; -8.553056
Arcipelago Saint Kilda
Geografia politica
Regno Unito Regno Unito Regno Unito
Nazione costitutiva Scozia Scozia
Cartografia
Hirta map.PNG
Mappa di localizzazione: Scozia
Dùn

[senza fonte]

voci di isole del Regno Unito presenti su Wikipedia

Dùn (o "Dun" senza il segno diacritico) è una delle isole dell'arcipelago di Saint Kilda, in Scozia. È lunga circa un miglio. Il suo nome significa semplicemente "fortino" in gaelico scozzese (vedere anche Dun (archeologia)). Tuttavia, il fortino vero e proprio è andato perduto. Alcune vecchie mappe lo segnalano nella località di Gob an Dùin, lungo la costa che si affaccia sul corridoio di mare verso Hirta.

L'isola appare quasi collegata a Hirta nei pressi di Ruiaval: le due isole sono separate dal cosiddetto Caolas an Dùin (stretto di Dùn). Questo piccolo corridoio di mare impedisce alle pecore di Soay, stanziate a Hirta, di spingersi oltre e ciò rende Dùn più ricca di vegetazione.

L'isola è l'habitat naturale della più grande colonia di fulmari presente in tutto il Regno Unito. Prima del 1828, St. Kilda costituiva l'unico arcipelago britannico in cui questi uccelli si riproducevano. Da allora, essi hanno stabilito colonie anche altrove, per esempio a Fowlsheugh.[1]

Un cleit sopra Village Bay, Hirta. Dùn è presente sullo sfondo

Dùn protegge Village Bay su Hirta dai forti venti Sud-occidentali. Un tempo, Dùn era collegata a Hirta da un arco naturale. MacLean (1972) ipotizza che l'arco venne distrutto durante la fuga di un galeone dell'Invincibile Armata spagnola. Altre fonti, come Mitchell (1992), forniscono una spiegazione più credibile, anche se meno romantica: l'arco fu semplicemente spazzato via durante una delle numerose e furiose tempeste che si abbattono sull'isola durante ogni inverno.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Fisher, James & Waterston, George (Nov. 1941) The Breeding Distribution, History and Population of The Fulmar (Fulmarus glacialis) in the British Isles. Edinburgh. The Journal of Animal Ecology, Vol. 10, No. 2 pp. 204-272. Pubblicato il 24 marzo 2007

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Haswell-Smith, Hamish The Scottish Islands
  • Fisher, James & Waterston, George (Nov. 1941) The Breeding Distribution, History and Population of The Fulmar (Fulmarus glacialis) in the British Isles. Edinburgh. The Journal of Animal Ecology, Vol. 10, No. 2 pp. 204–272.
  • MacLean, Charles Island on the Edge of the World: the Story of St. Kilda, Canongate, 1977

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]