Cyril Dessel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cyril Dessel
Cyril Dessel TA 2011.jpg
Cyril Dessel al Tour de l'Ain 2011
Dati biografici
Nazionalità Francia Francia
Altezza 181 cm
Peso 63 kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada
Ritirato 2011
Carriera
Squadre di club
1996-1997 VC Lyon Vaulx en Velin
1998 CC Étupes
1999 EC St-Etienne Loire
2000-2002 Jean Delatour Jean Delatour
2003-2004 Phonak Phonak
2005-2007 AG2R Prévoyance AG2R Prévoyance
2008-2011 AG2R La Mondiale AG2R La Mondiale
 

Cyril Dessel (Rive-de-Gier, 29 novembre 1974) è un ex ciclista su strada francese. Professionista dal 2000 al 2011, aveva caratteristiche di scalatore ed era anche forte in discesa[1].

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Passato professionista nel 2000 con la Jean Delatour, ora milita nella AG2R La Mondiale.

Nel 2006 Dessel vinse il Giro del Mediterraneo, arrivò secondo in una tappa del Tour de France e vestì la maglia gialla di leader della classifica generale. Finì quel Tour al settimo posto della classifica. Nel 2008 ha vinto la sedicesima tappa del Tour de France da Cuneo a Jausiers al termine di una lunga fuga.

Si è ritirato al termine del 2011.[2]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

  • 2000 (Jean Delatour, una vittoria)
GP Ostenfester
  • 2006 (Ag2r, quattro vittorie)
1a tappa Tour de l'Ain
Classifica finale Tour de l'Ain
4ª tappa Tour Méditerranéen (Saint-Laurent-du-Var > Mentone)
Classifica finale Tour Méditerranéen
  • 2008 (Ag2r, tre vittorie)
5ª tappa Quattro Giorni di Dunkerque
2ª tappa Volta Ciclista a Catalunya
16ª tappa Tour de France

Piazzamenti[modifica | modifica sorgente]

Grandi Giri[modifica | modifica sorgente]

2002: 113º
2006: 6º
2007: ritirato
2008: 28º
2009: ritirato
2000: 99º
2003: ritirato
2006: ritirato
2011: 60º

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il discesista che bruciò gli scalatori per Dessel un giorno alla Magni, repubblica.it, 22-07-2008. URL consultato il 02-10-2010.
  2. ^ AG2R, Cyril Dessel lascia il ciclismo in spaziociclismo.it, 15 settembre 2011. URL consultato il 1 gennaio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]