Cybercondria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cybercondria è un neologismo, derivato dall'unione delle parole cyber ed ipocondria, che si riferisce alle infondate preoccupazioni di un paziente, derivanti da ricerche su internet, verso sintomatologie comuni.

La cybercondria è una preoccupazione crescente tra gli operatori sanitari, in quanto i pazienti possono ora ricercare qualsiasi malattia e tutti i sintomi ad essa associabili consultando la rete internet.[1][2][3] Questo può portare il paziente a manifestare uno stato di ansia medica e ad ostacolare la diagnosi del medico esagerando, riducendo o eliminando un insieme di sintomi a sostegno della propria auto-diagnosi.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ryen White, Eric Horvitz, Cyberchondria: Studies of the escalation of medical concerns in Web search in ACM Transactions on Information Systems, vol. 27, nº 4, 2009, p. 1, DOI:10.1145/1629096.1629101.
  2. ^ La nuova malattia da internet è la ricerca delle malattie su internet! | Trackback
  3. ^ Cybercondria: i rischi delle auto-diagnosi on line
  4. ^ 'Cyberchondria' hits web users, BBC News, 13 aprile 2001. URL consultato l'11 dicembre 2006.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]