Cyamidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pidocchi delle balene
Cyamus boopis (dorsal).jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Crustacea
Classe Malacostraca
Sottoclasse Eumalacostraca
Superordine Peracarida
Ordine Amphipoda
Sottordine Corophiidea
Famiglia Cyamidae
Rafinesque 1815
Generi

I pidocchi delle balene (Cyamidae, Rafinesque 1815) sono dei crostacei parassiti dell'ordine Amphipoda, cui appartengono 6 generi e 27 specie.[1]

Sono parassiti esterni che si trovano sulle lesioni della pelle, sulle tasche genitali, sulle narici e sugli occhi dei Cetacei.

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

Il corpo è chiaramente appiattito e considerevolmente ridotto nella parte posteriore. Le zampe, soprattutto le tre paia posteriori, hanno sviluppato delle protuberanze simili ad artigli con cui si attaccano ai loro ospiti.

Sono lunghi da 5 a 25 mm, a seconda della specie.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

La maggior parte delle specie di Cyamidae presentano un'associazione specie-specifica con i Cetacei. Rimangono attaccati ai loro ospiti per tutta la vita e non attraversano una fase di sviluppo liberamente natante.

Nei capodogli (Physeter macrocephalus) l'associazione tra questi animali e i pidocchi è anche sesso-specifica: Cyamus catodontis vive esclusivamente sui maschi, mentre Neocyamus physeteris vive sulla pelle delle femmine e dei piccoli.

I pidocchi si attaccano al corpo dell'ospite in regioni in cui sono protetti dalle correnti d'acqua, quindi si trovano in tutte gli orifizi corporei naturali e nelle ferite; nei Misticeti si trovano soprattutto sulla testa e nei solchi golari.

Per alcune specie di pidocchi, l'infestazione dell'ospite da parte dei balani può giocare un ruolo importante. Per esempio, Cyamus rhachianecti si attacca direttamente nel punto in cui i balani si attaccano al corpo del cetaceo e scava tutto attorno ad essi per farli staccare.

Nelle balene franche (Balaenidae) i pidocchi si attaccano alle callosità presenti sulla testa di questi animali. I gruppi di pidocchi sono facilmente individuabili a causa del contrasto di colore esistente tra essi, bianchi, e il corpo scuro delle balena. Queste possono essere facilmente identificate dai ricercatori grazie alle diverse forme assunte dai gruppi di pidocchi.

I ciamidi si nutrono principalmente delle alghe che crescono sul corpo dei loro ospiti, ma sporadicamente possono causare dei danni alla pelle dei Cetacei senza tuttavia provocare patologie serie.

Sembra che lo sviluppo dei pidocchi delle balene sia strettamente connesso allo stile di vita dei Cetacei, infatti la distribuzione di varie specie di ciamidi riflette i modelli migratori delle balene.

Specie[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Martin Joel W., Heyning John E., First Record of Isocyamus kogiae Sedlak-Weinstein, 1992 (Crustacea, Amphipoda, Cyamidae) from the Eastern Pacific, with Comments on Morphological Characters, a Key to the Genera of the Cyamidae, and a Checklist of Cyamids and their Hosts in Bull. Southern California Acad. Sci., vol. 98, nº 1, 1999, pp. 26–38, ISSN: 0038-3872. URL consultato il 12-06-2008.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi