Curtiss SO3C Seamew

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curtiss SO3C Seamew
Un Curtiss SO3C Seamew in volo.
Un Curtiss SO3C Seamew in volo.
Descrizione
Tipo idroricognitore
Equipaggio 1
Costruttore Stati Uniti Curtiss
Data primo volo 6 ottobre 1939
Data entrata in servizio 1942
Data ritiro dal servizio 1945
Utilizzatore principale Stati Uniti U.S. Navy
Esemplari 795
Dimensioni e pesi
Tavole prospettiche
Lunghezza 11,23 m (36 ft 10 in) (idro)
10,42 m (34 ft 2 in) (terrestre)
Apertura alare 11,58 m (38 ft 0 in)
Altezza 4,57 m (15 ft 0 in)
Superficie alare 26,9 (290 ft²)
Carico alare 9,66 kg/m² (18,8 lb/ft²)
Peso a vuoto 1 943 kg (4 284 lb)
Peso max al decollo 2 599 kg (5 729 lb)
Propulsione
Motore un Ranger V-770-8
Potenza 600 hp (447 kW)
Prestazioni
Velocità max 277 km/h (172 mph, 150 kt)
Velocità di crociera 210 km/h (123 mph, 107 kn)
Autonomia 1 851 km (1 150 mi, 1 000 nm)
8 h[1]
Tangenza 4 815 m (15 800 ft)
Armamento
Mitragliatrici 1 Browning M1919 calibro .30 in (7,62 mm)
1 Browning M2 calibro .50 in (12,7 mm)
Bombe 2 da 100 lb (45 kg)
325 lb (147 kg) in bombe di profondità
Note dati riferiti alla versione SO3C-2

American Warplanes of World War II[2]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia
Un Seamew Mk.I dotato di carrello d'atterraggio convenzionale in dotazione alla Fleet Air Arm della britannica Royal Navy.
Un SO3C-3 in configurazione idro appena catapultato dalla USS Biloxi, ottobre 1943.

Il Curtiss SO3C Seamew era un idroricognitore a galleggiante centrale, monomotore ad ala media, prodotto dall'azienda statunitense Curtiss Aeroplane and Motor Company negli anni quaranta.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Dal momento in cui entrò in servizio il SO3C manifestò subito due gravi difetti: problemi di stabilità in volo e problemi con l'unico motore in linea a V raffreddato ad aria (il Ranger). Il problema della stabilità venne sostanzialmente risolto con l'introduzione della punta delle ali all'insù e una maggiore superficie di coda posteriore. La superficie di coda supplementare è venne attaccata al tettuccio scorrevole dell'osservatore posteriore ma i piloti sostennero che ci fossero ancora problemi di stabilità quando il tettuccio era aperto. La cupola era spesso aperta dato che il ruolo principale del velivolo era l'osservazione. Mentre il problema della stabilità in volo venne stato affrontato (anche se non completamente risolto), il motore Ranger V-770 si rivelò un fallimento anche dopo molti tentativi di modifiche. Scarso rendimento di volo e problemi continui di manutenzione portarono al ritiro del SO3C dalle unità di prima linea US Navy a partire dal 1944.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti Stati Uniti
Regno Unito Regno Unito

Velivoli comparabili[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti Stati Uniti
Giappone Giappone

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Thetford, Owen, British Naval Aircraft since 1912, Fourth Edition, London, Putnam, 1994, ISBN 0-85177-861-5.
  2. ^ David (Editor) Donald, American Warplanes of World War II, London, Aerospace Publishing, 1995, ISBN 1-874023-72-7.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]