Cursed (film 2004)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Cursed
Titolo originale 超」怖い話A 闇の鴉
'Chô' kowai hanashi A: yami no karasu
Paese di produzione Giappone
Anno 2004
Durata 81 minuti
Colore colore
Audio sonoro
Genere orrore
Regia Yoshihiro Hoshino
Soggetto Yumeaki Hirayama (romanzo)
Sceneggiatura Yoshihiro Hoshino
Produttore Digital Frontier
Fotografia Masahiro Taniai
Musiche Kuniyuki Morohashi
Interpreti e personaggi

Cursed è un film horror giapponese del 2004, diretto da Yoshihiro Hoshino. Il film è basato su una novella di Yumeaki Hirayama.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il film comincia con due studentesse che decidono di andare in un piccolo convenience store, quando una delle due si rifiuta di entrare in quel luogo, e viene investita da un camion. Ryoko deve fare l'inventario per la propria agenzia nel medesimo convenience store, ma con la propria sensibilità soprannaturale avverte strane presenze all'interno del negozio. Inoltre i proprietari del negozio sembrano completamente alienati e si comportano in maniera bizzarra. Ryoko tenta di mettere in guardia Nao, la giovanissima commessa del negozio, che a sua volta ha avvertito strane presenze nei locali del negozio. Intanto tutti coloro che fanno acquisti in un modo o nell'altro finiscono per cadere nella terribile ragnatela di maledizioni e morte che avvolge il posto.

Ryoko e Nao parleranno poi con una barbona, anche lei abbastanza alienata, che svela loro il perché della maledizione: il primo proprietario dell'edificio era anche un pericoloso assassino, e la ditta di costruzioni compì un sacrilegio, in quanto realizzò il minimarket abbattendo un cimitero che sorgeva nello stesso punto, e ne riciclò i resti per usarli nella nuova costruzione. Nao riuscirà a salvare dalla maledizione l'amico Komori, che lavorava pure lui nello store, e lasceranno quel lavoro. Anche Ryoko si allontana per sempre da quel negozio, incrociando le due studentesse viste all'inizio del film. Il prologo diventa così epilogo, e scopriamo che la ragazza investita non voleva entrare perché vedeva le numerose anime dei morti all'interno del minimarket.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema