Cuordipietra Famedoro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cuordipietra Famedoro
Cuordipietra nell'episodio Le nozze di zio Paperone
Cuordipietra nell'episodio Le nozze di zio Paperone
Nome orig. Flintheart Glomgold
Lingua orig. Inglese
Autore Carl Barks
Editore The Walt Disney Company
1ª app. settembre 1956
1ª app. in Uncle Scrooge n. 15, Zio Paperone in Il torneo monetario (The Second Richest Duck in lingua originale)
Voce orig. Hal Smith
Voce italiana Paolo Buglioni
Sesso Maschio
Luogo di nascita Johannesburg, Sudafrica
Data di nascita circa1870

Cuordipietra Famedoro (Flintheart Glomgold) è un personaggio immaginario dei fumetti e cartoni animati Disney, ideato da Carl Barks nel 1956. Magnate del Sudafrica, è il principale avversario di Paperon de Paperoni nel campo degli affari. Spicca rispetto agli altri non solo perché è il primo a dimostrare di avere una ricchezza paragonabile a quella di Paperone, ma anche perché è un papero, proprio come Paperone.[non chiaro] .

Storia editoriale[modifica | modifica sorgente]

Sin dal suo esordio, avvenuto su Zio Paperone in Il torneo monetario, di Carl Barks (titolo originale The Second Richest Duck, prima pubblicazione italiana: Topolino n.152 del 1956 con il titolo Paperino e il torneo monetario[1]), si dimostra un personaggio privo di scrupoli, proprio come il primo Paperone italiano (in particolare quello di Guido Martina). Compare, da lì in poi, in poche altre storie e viene soprattutto utilizzato dagli artisti americani, mentre in Italia, come in molti altri paesi del mondo, fa la sua ascesa John Rockerduck, più giovane e meno malvagio, ma non più fortunato di Cuordipietra nelle sue sfide con Paperone.

In Italia, comunque, il suo esordio è caratterizzato da frequenti cambi di nome: si inizia con Polidoro Orifiamma, Rupedor e Mac Gold in una storia di produzione italiana realizzata da Martina e Carpi (Paperino e i candidati al CIAO).

Dal 1961, anno di esordio di Rockerduck, come detto, il magnate sudafricano che si è costruito un deposito in tutto simile a quello di Paperone, inizia una lenta discesa, per essere saltuariamente utilizzato, e spesso per vedere spostate le sue origini dal Sud Africa alla Scozia, come accaduto nella serie animata Duck Tales. Il look scozzese, comunque, viene abbandonato, salvo qualche rara eccezione, con l'avvento di Don Rosa, che prima con Zio Paperone e il figlio del sole, quindi con la Saga di Paperon de Paperoni riporta al suo look originario l'acido rivale del ricco magnate paperopolese, soprattutto riportando di moda un personaggio poco utilizzato in patria e all'estero. Poche, infatti le eccezioni, anche dopo l'utilizzo che ne fa Don Rosa, e sono tutti grandi maestri: Vicar, Daniel Branca e l'italiano Romano Scarpa.

In una storia di Vicar, che pure condivide la versione che lo vuole residente in Sudafrica, viene rivelata una sua lontana parentela con Paperon de Paperoni, e quindi una sua lontana origine scozzese, nel tentativo forse di conciliare le due versioni del personaggio.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

A differenza di Paperone non è stata creata una vera e propria biografia su Famedoro, di lui si sa soltanto che è poco più giovane di Paperone e che deve la sua fortuna ai diamanti.

Se Paperone è nato nel 1867 si può presumere che Famedoro sia nato all'incirca nel 1870 poiché lo ritroviamo già all'inizio della giovinezza (quindi circa sui 20 anni) nel 1886 cioè quando incontra per la prima volta Paperone in Sudafrica. Famedoro nasce in povertà, lavora come cercatore di diamanti ma non ha successo, decide quindi di derubarli ai suoi colleghi minatori ma viene scoperto e legato sul dorso di un bufalo lanciato nel deserto. Incontra Paperone che lo libera e gli offre del cibo e la sua tenda per la notte, ma durante questa Famedoro scappa portandosi via tutto, Paperone si risveglia infuriato e rintraccia Famedoro umiliandolo e facendolo imprigionare. Durante tutta questa storia (vedi "Il terrore del Transvaal" ZP n. 75) i due non si presenteranno mai, per questo quando si reincontreranno anni dopo da miliardari in Zio Paperone in Il torneo monetario i due non sanno di essersi già incontrati in passato. Dopo la prigionia Famedoro continua la sua caccia ai diamanti aiutandosi con tutti i mezzi possibili ed è grazie a questa risorsa che nel 1906 diventa ricco. Riesce ad incrementare il suo patrimonio grazie alla sua mancanza di scrupoli con affari al limite della legalità.

Riapparizione[modifica | modifica sorgente]

L'ultima volta che Cuordipietra Famedoro riappare sulle pagine di Topolino è nella saga de La grande caccia alla numero uno, importata dalla Danimarca. In questa storia compete con Paperone per ottenere un lotto di terra piena d'oro in Finlandia. Verrà battuto dal fiuto per l'oro di Paperone, nonostante abbia usato strumenti altamente tecnologici e mosse scorrette. Fa comunque la parte di un nemico secondario, dato che nella saga in questione quello principale, che è presente in tutti gli episodi, è Amelia. Stranamente appare con la barba e i capelli castani, anziché bianchi. Fa un'apparizione anche in Topolino numero 2811 nel quale scrive una falsa biografia su Paperone.

Fa una ricomparsa in grande stile a partire da Topolino numero 2985, in cui compare anche in copertina, nella storia in quattro puntate Zio Paperone e l'ultima avventura, dove idea un piano, per rovinare Paperon de Paperoni, alleandosi con Rockerduck, Amelia e la Banda Bassotti. Similmente a Rockerduck, Famedoro usa mezzi scorretti per guadagnare ma differentemente da Rockerduck, Famedoro non ha il minimo scrupolo ed eliminerebbe fisicamente chiunque gli sia d'ostacolo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ The second-richest Duck in inducks.org. URL consultato il 12 aprile 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Disney Portale Disney: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Disney