Cuneo (neuroanatomia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il cuneo è una porzione del cervello umano del lobo occipitale.

Il cuneo (Area 17 di Brodmann) riceve informazioni visive dalla retina superiore controlaterale che rappresenta il campo visivo inferiore. È principalmente conosciuta per il suo coinvolgimento nel processo visivo di base. Le cellule piramidali nel cuneo (corteccia striata) proiettano alle cortecce extra-striate (BA 18, 19). Il processo visivo di medio livello che si verifica nella proiezione extrastriata dei campi del Cuneo sono modulati da effetti extra-retinali, come l'attenzione, la working memory, e l'aspettativa di ricompensa.

In aggiunta al suo ruolo tradizionale come sito per il processo visivo di base, il volume della materia grigia nel cuneo è associata con un miglior controllo inibitorio nei pazienti con depressione bipolare.[1] I giocatori d'azzardo patologici hanno una più alta attività nella via dorsale del processo visivo includendo il cuneo relativo ai controlli.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Haldane M, Cunningham G, Androutsos C, Frangou S, Structural brain correlates of response inhibition in Bipolar Disorder I in Journal of Psychopharmacology, vol. 22, nº 2, marzo 2008, pp. 138–43, DOI:10.1177/0269881107082955, PMID 18308812.
  2. ^ Crockford DN, Goodyear B, Edwards J, Quickfall J, el-Guebaly N, Cue-induced brain activity in pathological gamblers in Biological Psychiatry, vol. 58, nº 10, novembre 2005, pp. 787–95, DOI:10.1016/j.biopsych.2005.04.037, PMID 15993856.