Cultura di Malta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una tipica barca maltese detta Luzzu

La cultura di Malta rispecchia le influenze di culture differenti, tra cui l'Italia e il Regno Unito, che governò Malta fino al 1964.

Il folklore maltese, le tradizioni e le leggende sono vive negli anziani e sono attualmente studiate e categorizzate come in ogni altro paese europeo. Il għanja tal-fatt, cioè "il canto del fatto" tipico della musica Għana è un componente importante del folklore locale, tra i quali c'e Ċikku Degiorgio detto Tal Fjuri (Dei fiori) come un esponente particolare. Il cantautore Walter Micallef, col suo sestetto, è attualmente l'artista più noto per il canto in maltese.

Lingua[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lingua maltese.

L'uso dell'Italiano è diminuito per via dell'influenza inglese e di una politica anti-italiana, che ha portato l'Inglese ad essere la lingua ufficiale nelle scuole, assieme al maltese, nel 1934. Negli anni venti era fondata Il-Għaqda tal-Malti, da un gruppo di intellettuali per far stabilire e crescere il maltese come la lingua nazionale. Il maltese è l'unico di origine semitica in Europa. In ogni caso la televisione italiana è seguita a Malta, e di conseguenza è compresa e spesso parlata dalla maggior parte dei Maltesi.

L'influenza britannica[modifica | modifica wikitesto]

L'influenza britannica rimane comunque notevole; molti Maltesi seguono assiduamente il campionato di calcio inglese, sebbene molti guardino anche il campionato di calcio italiano. La guida è a sinistra, come nel Regno Unito, e si possono vedere molte automobili inglesi degli anni sessanta e settanta girare per le strade. I vecchi bus maltesi, in realtà ex-bus militari, sono stati utilizzati come servizio pubblico fin dai primi anni cinquanta. I maltesi bevono il tè con latte, come gli inglesi ma anche il caffè. Questo è forse un punto distintivo quando visitano l'Italia. Dopo l'indipendenza stanno ritrovando la loro gastronomia mediterranea, e ritorna con forza l'olio d'oliva invece del burro inglese.

Cattedrale di St.Johns

Religione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Chiesa cattolica a Malta.

I Maltesi sono per la stragrande maggioranza Cristiani Cattolici e l'influenza della Chiesa è fortissima: l'eutanasia e l'aborto sono tuttora proibiti per legge. Il Cattolicesimo è la religione di stato di Malta, ma viene comunque lasciata libertà di culto; si stima che la popolazione sia cattolica al 90%, sebbene solo il 60% pratichi attivamente la religione.

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante le piccole dimensioni, Malta ha una ricchissima scena letteraria. La prima opera risale al medioevo, ed è una poesia in maltese medioevale scritta da Pietru Caxaro, Xideu ja gireni. Molti intellettuali hanno commentato la poesia tra i quali i Professor Arnold Cassola[1], il Professor Joseph M. Brincat[2] e il romanziere Frans Sammut[3].

Nell'Ottocento vi fu un vero e proprio "rinascimento" letterario con figure come Gian Anton Vassallo (1817-1868)[4] e altri.

Il poeta nazionale di Malta, Carmelo Psaila ("Dun Karm") (1871-1961), scrisse in maltese, inglese, italiano e esperanto. Un bellissimo studio sulla sua poesia è stato scritto dal poeta e romanziere Oliver Friggieri[5] e un altro ancora dal poeta e regista teatrale Mario Azzopardi[6].

Il dopoguerra vide la comparsa del Movimento Risveglio Letterario, con personaggi come Oliver Friggieri (poi divenuto Professore di Maltese all'Università di Malta), Frans Sammut (1945-2011), il "romanziere nazionale", Alfred Sant (poi divenuto Primo Ministro di Malta), Lino Spiteri (poi divenuto Ministro delle Finanze in due governi), e altri ancora.

Oggi la letteratura maltese è dominata da opere in maltese (Alex Vella Gera[7] e Guze' Stagno ad esempio) e alcune in inglese (Francis Ebejer[8] ad esempio). Ci sono pochissime opere in italiano, come le poesie del Giudice J.J. Cremona[9] e l'ebook Il Sindaco di Racalmusci, di Albert Caruana[10].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://melitensiawth.com/incoming/Index/Peter%20Caxaro%27s%20Cantilena/04.pdf
  2. ^ http://melitensiawth.com/incoming/Index/Peter%20Caxaro%27s%20Cantilena/06.pdf
  3. ^ V. Azopardi: Il Piccolo Dizionario Ghaqda tal-Malti - Univerista', 2009
  4. ^ The Poems of Ġan Anton Vassallo collected for the first time by Oliver Friggieri - The Malta Independent
  5. ^ Dun Karm, the national poet of Malta - Springer
  6. ^ Dun Karm: Bejn il-Vatikan, id-Duce u l-kuruna : noti dwar l-attivita letterarja f'Malta fi zmien Mussolini: Amazon.co.uk: Mario Azzopardi: Books
  7. ^ Interview with Alex Vella Gera | The Sunday Circle Online Magazine
  8. ^ Francis Ebejer: Leap of Malta Dolphins (Slovene edition) | KUD AAC Zrakogled
  9. ^ President of Malta - Book Launch JJ Cremona
  10. ^ Il Sindaco di Racalmusci e altri racconti dall'introterra maltese eBook: Albert Caruana: Amazon.it: Kindle Store
società Portale Società: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di società