Cultura della ceramica nera e rossa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La cultura della ceramica nera e rossa fu una cultura della prima età del ferro della parte settentrionale del subcontinente indiano. Viene datata fra il 1200 e il 900 a.C. circa e viene associata con il periodo post-Rig vedico della civiltà vedica.

In alcuni siti la ceramica di questa cultura è associata con la ceramica tardo-harappana e secondo alcuni studiosi potrebbe aver influenzato direttamente la cultura della ceramica grigia dipinta e la cultura della ceramica nera lucidata settentrionale[1] Questa ceramica è sconosciuta ad ovest della valle dell'Indo.[2]

L'uso del ferro , benché saltuario , è relativamente precoce essendo posteriore all'età dell ferro dell'Anatolia di solo tre secoli e antecedente all'età del ferro dell'Europa centrale di due o trecento anni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Shaffer, Jim. 1993, Reurbanization: The eastern Punjab and beyond. In Urban Form and Meaning in South Asia: The Shaping of Cities from Prehistoric to Precolonial Times, ed. H. Spodek and D.M. Srinivasan.
  2. ^ Shaffer, Jim. Mathura: A protohistoric Perspective in D.M. Srinivasan (ed.), Mathura, the Cultural Heritage, 1989, pp. 171-180. Delhi. cited in Chakrabarti 1992

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Shaffer, Jim. Mathura: A protohistoric Perspective in D.M. Srinivasan (ed.), Mathura, the Cultural Heritage, 1989, pp. 171–180. Delhi.