Cultivar di olivo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Olive non mature di Cultivar Bosana

Il panorama varietale dell'olivicoltura è un settore di studio in piena evoluzione. L'olivo, pur essendo coltivato e conosciuto fin dall'antichità, è sempre stato considerato, contrariamente alla vite, una coltura marginale in grado di offrire una produzione anche in condizioni difficili, pertanto degna di poche cure.

Nelle zone ad alta vocazione olivicola l'olivo è stato propagato da secoli utilizzando l'innesto sull'olivastro o su semenzali nati spontaneamente o mettendo a dimora piante ottenute dagli ovoli della ceppaia, impiegando nella generalità dei casi materiale di propagazione di provenienza locale e probabilmente ottenuto da una lenta selezione massale. Questa tradizione ha creato un grande patrimonio genetico costituito da un numero imprecisato di ecotipi, cioè di tipi genetici strettamente associati ad un'area geografica. La selezione all'interno degli ecotipi ha portato alla costituzione di vere e proprie cultivar che, nella generalità dei casi, mantengono ancora un'identità strettamente associata ad un territorio (comprensorio, provincia, regione). Sono poche le cultivar che hanno una diffusione su areali più vasti, grazie soprattutto ad una notevole crescita del settore vivaistico in olivicoltura a partire dagli anni 1970.

Per questi motivi le conoscenze relative al patrimonio genetico in olivicoltura sono ancora polverizzate, al punto che una stessa cultivar può avere talvolta denominazioni diverse secondo la provincia o il comprensorio.

Criteri di classificazione[modifica | modifica sorgente]

Il principale criterio di classificazione delle cultivar di olivo è la trasformazione a cui sono destinate le olive:

  • Cultivar da olio. Sono destinate prevalentemente all'estrazione dell'olio di oliva per vari motivi, spesso concomitanti: pezzatura piccola, difficoltà di raccolta, ampia diffusione, buona resa in olio, condizioni socioeconomiche sfavorevoli alla brucatura, sensibilità ad alcune avversità che deturpano l'oliva, ecc.
  • Cultivar da mensa. Sono destinate quasi esclusivamente alla trasformazione in oliva da mensa, anche in questo caso per motivi diversi: grande pezzatura, facilità di raccolta con la brucatura, limitata vocazione elaiotecnica del comprensorio, resistenza della drupa alle manipolazioni, bassa resa in olio, ecc.
  • Cultivar a duplice attitudine. Sono generalmente destinate all'estrazione dell'olio di oliva, ma per la pezzatura media e per altri motivi contingenti si prestano anche ad essere trasformate in olive da mensa, perciò una parte della produzione, in genere quella qualitativamente migliore (pezzatura e estetica) è destinata all'oliva da mensa.

Parametri d'identificazione[modifica | modifica sorgente]

Rispetto ad altre specie arboree da frutto, l'olivo manifesta una spiccata omogeneità morfologica e comportamentale, perciò il riconoscimento di una cultivar è spesso strettamente legato all'esperienza diretta degli olivicoltori e dei frantoiani. Questa conoscenza può essere falsata dal comportamento di una cultivar in un determinato territorio, per cui lievi differenze possono portare a identificare un ecotipo con una cultivar. Nonostante questo è possibile caratterizzare le cultivar in funzione di vari caratteri morfologici e fenologici. Gli studi scientifici nel settore si occupano inoltre di queste problematiche mediante ricerche specifiche sulle relazioni filogenetiche fra gli ecotipi.

Caratteri morfologici[modifica | modifica sorgente]

I principali caratteri morfologici che si possono prendere in considerazione sono l'intera pianta, la foglia, la drupa.

Albero[modifica | modifica sorgente]

I caratteri più significativi sono la vigoria e il portamento. La vigoria si apprezza con la velocità di accrescimento e con il grado di sviluppo che raggiunge l'albero nel suo complesso. Il portamento si apprezza facilmente osservando la direzione in cui si sviluppa prevalentemente la vegetazione. Le cultivar assurgenti formano una ramificazione eretta con chioma globosa che tende a sfilare verso l'alto. Le cultivar espanse formano una ramificazione patente e rigida con chioma espansa prevalentemente in senso orizzontale. Le cultivar pendule hanno un portamento ingentilito dalla ramificazione patente e pendula, con chioma che tende a ricadere verso il basso nella parte più esterna.

Foglia[modifica | modifica sorgente]

Sono diversi gli elementi di caratterizzazione delle foglie. Quelli più evidenti sono la forma della lamina (lanceolata, ellittico-lanceolata, ellittica) e la lunghezza. Da questi derivano altri caratteri quali la larghezza e la superficie. Altri elementi di caratterizzazione sono il colore delle foglie, la forma dell'apice, la curvatura del margine, ecc.

Drupa[modifica | modifica sorgente]

La drupa presenta molteplici caratteri morfologici che, purché presi nell'insieme, concorrono a identificare una cultivar. I più evidenti sono i seguenti:

  • Peso: alcune cultivar hanno pesi molto elevati, superiori ai 6 g, altre pesi molto bassi, inferiori a 2 g. In generale il peso tende a identificarsi con la pezzatura. Questo carattere influisce in modo particolare sulla destinazione dell'oliva.
  • Rapporto polpa-nocciolo. È un altro carattere fondamentale per la destinazione dell'oliva. Le cultivar da mensa hanno in generale grande pezzatura e seme piccolo perciò hanno elevati valori di questo parametro (almeno 5). Le cultivar poco adatte all'utilizzazione come olive da tavola hanno invece valori piuttosto bassi (inferiore 4).
  • Forma: alcune cultivar producono drupe sferiche (comunemente chiamate tonde), altre ovoidali, altre ancora formano drupe allungate. Della forma è importante anche il grado di asimmetria, il profilo dell'apice e della base, la presenza o meno dell'umbone all'apice.
  • Colore: le cultivar si possono distinguere in base al colore a completa maturazione (rosso, violaceo, nero), alla dinamica dell'invaiatura (dall'apice, uniforme, dalla base) e, sulle drupe verdi, in base alla presenza delle lenticelle.

Caratteri fenologici[modifica | modifica sorgente]

Fra i caratteri fenologici ha risalto la precocità delle fasi fondamentali (mignolatura, fioritura, maturazione). Essendo questo carattere strettamente legato anche alla regione, la precocità si può esprimere solo in termini relativi, facendo riferimento ad un comprensorio oppure ad una cultivar di riferimento. Degno d'interesse è anche l'autofertilità (o autocompatibilità), che mostra se ed in quale misura il polline autoprodotto sia adatto a fecondare i fiori della pianta stessa.

Caratteri tecnologici[modifica | modifica sorgente]

Definiscono la valenza di una cultivar sotto l'aspetto sia agronomico sia industriale. Questi caratteri non sono invarianti perché possono essere condizionati sensibilmente da fattori tecnici ed ambientali, tuttavia molte cultivar possono emergere per particolari predisposizioni.

Fra i caratteri agronomici sono di particolare interesse la rusticità, l'autofertilità, la suscettibilità alle principali avversità (Mosca, Rogna, Occhio di pavone, Tignola).

Fra i caratteri industriali sono importanti la resa in olio per le cultivar da olio e la resistenza alle manipolazioni per le cultivar da mensa. È presumibile che in futuro ci possa essere una caratterizzazione che prenda in esame le correlazioni fra le cultivar e gli aspetti qualitativi della trasformazione in olio (dietetici e organolettici)

Cultivar italiane[modifica | modifica sorgente]

L'Italia vanta il maggior numero di cultivar al mondo, e hanno per la maggior parte un areale circoscritto e sono poche quelle diffuse su più regioni. Un elemento di caratterizzazione pertanto è la regione di origine. Dalle liste regionali sono escluse alcune cultivar di diffusione interregionale in quanto largamente utilizzate come impollinatori.

Cultivar a diffusione nazionale[modifica | modifica sorgente]

Abruzzo[modifica | modifica sorgente]

Basilicata[modifica | modifica sorgente]

Calabria[modifica | modifica sorgente]

Campania[modifica | modifica sorgente]

Emilia-Romagna[modifica | modifica sorgente]

Friuli-Venezia Giulia[modifica | modifica sorgente]

Lazio[modifica | modifica sorgente]

Liguria[modifica | modifica sorgente]

Lombardia[modifica | modifica sorgente]

Marche[modifica | modifica sorgente]

Molise[modifica | modifica sorgente]

Piemonte[modifica | modifica sorgente]

Puglia[modifica | modifica sorgente]

Sardegna[modifica | modifica sorgente]

Sicilia[modifica | modifica sorgente]

Toscana[modifica | modifica sorgente]

Trentino-Alto Adige[modifica | modifica sorgente]

Umbria[modifica | modifica sorgente]

Veneto[modifica | modifica sorgente]

Cultivar nel mondo[modifica | modifica sorgente]

Francia[modifica | modifica sorgente]

Maghreb[modifica | modifica sorgente]

Algeria[modifica | modifica sorgente]

Marocco[modifica | modifica sorgente]

Tunisia[modifica | modifica sorgente]

Penisola Balcanica[modifica | modifica sorgente]

Grecia[modifica | modifica sorgente]

Una ciotola di olive greche

Penisola Iberica[modifica | modifica sorgente]

Portogallo[modifica | modifica sorgente]

Spagna[modifica | modifica sorgente]

Vicino Oriente[modifica | modifica sorgente]

Israele[modifica | modifica sorgente]

Libano[modifica | modifica sorgente]

Palestina[modifica | modifica sorgente]

Siria[modifica | modifica sorgente]

Turchia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak al am an ao ap aq ar as at au av aw ax ay az ba bb bc bd be bf bg bh bi bj bk bl bm bn bo bp bq br bs bt bu bv bw bx by bz Agenzia Regionale per lo Sviluppo nel settore Agricolo-forestale - Razze e Varietà Locali - Tutela e Valorizzazione, http://germoplasma.arsia.toscana.it/Germo/.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]