Cullinan (diamante)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Copie dei nove maggiori pezzi in cui è stato tagliato il Cullinan.

Il diamante Cullinan, detto anche Stella d'Africa, è il più grande diamante grezzo ritrovato, con un peso di 3.106,75 carati (pari a circa 621 grammi).

Storia[modifica | modifica sorgente]

Questo diamante fu trovato da Frederick Wells, direttore della Premier Mine a Cullinan, in Sudafrica, il 26 gennaio 1905[1].

La pietra è così chiamata in onore di Sir Thomas Cullinan, il proprietario della miniera di diamanti.

Il taglio di questa pietra, effettuato nel 1908 dalla ditta Asscher di Amsterdam, ha prodotto 105 diamanti dalle varie fogge, i più importanti dei quali oggi fanno parte dei Gioielli della corona britannica.

Tra di essi si segnalano per le grandi dimensioni:

  • il Cullinan I (o grande Stella d'Africa), di 530,20 carati (106,04 grammi), incastonato sullo scettro di sant'Edoardo e dal taglio a goccia (il secondo più grande diamante tagliato al mondo)
  • il Cullinan II, di 317,40 carati (63,48 grammi), dal taglio a cuscino (il quarto più grande diamante tagliato al mondo); è incastonato sulla corona imperiale di stato del Regno Unito
  • il Cullinan III, di 94,40 carati
  • il Cullinan IV, di 63,60 carati

Tutti i suddetti diamanti sono conservati nella Torre di Londra.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Successivamente venne rinvenuto in Brasile un carbonado del peso di più di 3.600 carati (circa 720 grammi), ma da esso non fu possibile estrarre diamanti di qualità gemmologica.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]