Culla dell'umanità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Luoghi di ritrovamento dei fossili di ominidi di Sterkfontein, Swartkrans e Kromdraai
(EN) Fossil Hominid Sites of Sterkfontein, Swartkrans, Kromdraai, and Environs
SterkfonteinCave.jpg
Tipo Culturali
Criterio (iii) (vi)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1999
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

La Culla dell'umanità è un'area classificata come patrimonio dell'umanità protetto dall'UNESCO a partire dal 1999. Si trova a circa 50 chilometri a nord-ovest di Johannesburg, nella provincia sudafricana di Gauteng.

Il sito copre 474 Km2; contiene grotte di pietra calcarea tra cui la famosa grotta di Sterkfontein dove fu rinvenuto il più antico fossile di Australopithecus africanus. Risale a 2,3 milioni d'anni fa, è stato soprannominato "Mrs. Ples", e venne scoperto nel 1947 da Robert Broom e John Robinson.

Altra famosa grotta è quella di Wonder Cave Kromdraai. Questa scoperta rafforzò quella effettuata nel 1924 da Raymond Dart che, a Taung nella provincia sudafricana di North West, rinvenì il teschio di un giovane Australopithecus africanus, soprannominato bambino di Taung. Nel 1997 venne trovato lo scheletro quasi intatto di "Little Foot", datato all'incirca sui 3,3 milioni d'anni fa, scoperto dalla University of the Witwatersrand e, in particolare, da Ronald J. Clarke. L'uso del fuoco in questo sito risale ad oltre 1 milione d'anni fa a Swartkrans.

Contesto geologico[modifica | modifica wikitesto]

I resti di ominidi nella Culla dell'umanità sono intrappolati in un misto di calcare ed altri sedimenti chiamati brecce, fossilizzati dal tempo.

Anche se gli ominidi erano probabilmente diffusi nell'intera Africa, i loro resti possono essere ritrovati solo in quei siti in cui le condizioni geologiche hanno permesso la fossilizzazione.

Il 7 dicembre 2005 il Presidente sudafricano Thabo Mbeki inaugurò il Centro Visitatori di Maropeng.[1]


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Mbeki opens Maropeng centre", News24, 8 dicembre 2005. "Maropeng, che significa 'il punto da cui nacque la vita', si aspetta di ospitare più di 500.000 turisti l'anno"

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

patrimoni dell'umanità Portale Patrimoni dell'umanità: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di patrimoni dell'umanità