Cueva del Milodón

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monumento Naturale Cueva del Milodón
Monumento Natural Cueva del Milodón
Milodon cave.JPG
Tipo di area Monumento naturale
Class. internaz. III
Stati Cile Cile
Regioni Regione delle Magellane e dell'Antartide Cilena
Superficie a terra 189.000 km²
Superficie a terra 189 ha
Gestore Corporación Nacional Forestal

Il Monumento Naturale Cueva del Milodón è situato nella Patagonia[1] cilena, 24 chilometri a nord-ovest di Puerto Natales e 270 chilometri a Nord di Punta Arenas. Il monumento è situato lungo i fianchi delle montagne del Cerro Benitez. Vi si trovano parecchie caverne e una formazione rocciosa denominata Silla del Diablo (Sella del Diavolo).

Le caverne si sono formate in seguito all'erosione dovuta alle ondate di fango che hanno invaso il bacino di Puerto Natales, per il progressivo scioglimento dell'enorme strato di ghiaccio che lo riempiva durante l'ultima espansione dei ghiacciai del quaternario.

Il monumento è famoso per la scoperta, nel 1896, dei resti di un bradipo terrestre gigante denominato Mylodon (Mylodon darwini), un erbivoro di grandi dimensioni che si estinse probabilmente alla fine del Pleistocene. All'entrata del monumento è stata sistemata una replica a grandezza naturale di un Milódon preistorico. Le ricerche hanno permesso di datare i resti del Milodon a circa 5.000 anni fa e confermare l'esistenza di altri animali preistorici, ora estinti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ciudad de Puerto Natales: Cueva del Milodon. URL consultato il 09-10-2009.

Galleria immagini[modifica | modifica wikitesto]

Mylodon Robustus

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]