Cuenca (Ecuador)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cuenca
città
Santa Ana de los Ríos de Cuenca
Cuenca – Stemma Cuenca – Bandiera
Cuenca – Veduta
Localizzazione
Stato Ecuador Ecuador
Provincia Bandera Província Azuay.svg Azuay
Cantone Cuenca
Amministrazione
Sindaco Paul Granda
Territorio
Coordinate 2°52′59.88″S 78°58′59.88″W / 2.8833°S 78.9833°W-2.8833; -78.9833 (Cuenca)Coordinate: 2°52′59.88″S 78°58′59.88″W / 2.8833°S 78.9833°W-2.8833; -78.9833 (Cuenca)
Altitudine 2450[1] m s.l.m.
Abitanti 505 585[2] (2010)
Altre informazioni
Prefisso 00593 07
Fuso orario UTC-5
Cartografia
Mappa di localizzazione: Ecuador
Cuenca
Sito istituzionale
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Centro storico di Santa Ana de los Ríos de Cuenca
(EN) Historic Centre of Santa Ana de los Ríos de Cuenca
Cuencaecuador.JPG
Tipo Culturali
Criterio (ii) (iv) (v)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1999
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

Santa Ana de los Ríos de Cuenca (spesso abbreviato semplicemente in Cuenca) è la terza città dell'Ecuador per numero di abitanti, capoluogo della provincia di Azuay e dell'omonimo cantone.

Si trova nella cosiddetta Sierra, una parte delle Ande, e sorge a circa 2.500 metri sul livello del mare. All'epoca dell'impero Inca era conosciuta con il nome di Tumibamba. La città attuale ha un tipico aspetto coloniale: il suo centro storico, molto ben conservato, è stato per questa ragione inserito nell'elenco dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo alcune scoperte archeologiche, i primi abitanti di questa regione si stabilirono qui già nel IX millennio a.C.: sono infatti stati ritrovati antichissimi resti che fanno pensare ad una società di cacciatori-raccoglitori, sviluppatasi nella zona della grotta di Chopsi.

La storia della città comincia molto tempo prima dell'arrivo degli spagnoli, addirittura prima degli Inca: pare infatti che sia stata fondata nel VI secolo dai Cañari, che diedero all'insediamento il nome di Guapondeleg, cioè terra grande come il cielo. Durante il XV secolo gli Inca conquistarono e occuparono il territorio, sostituendo le costruzioni originarie con le loro ma facendo proprie molte delle conoscenze dei Cañari nel campo dell'astronomia e dell'agricoltura.

Poco dopo la conquista della città, il re Inca Tupac Yupanqui ordinò la costruzione di un grande centro abitato, Pumapungo (la porta del puma), la cui magnificenza avrebbe dovuto rivaleggiare con quella di Cuzco.

Il nuovo sito Inca era comunque conosciuto con il nome di Tumibamba, letteralmente "la pianura del tumi", dove "tumi" è riferito ad un'arma da taglio usato dagli Inca in battaglia, ma anche strumento per usi medici e sacerdotali. Tumibamba ha dato i natali a Huayna Capac, il nuovo sovrano figlio di Tupac Yupanqui. Durante il suo regno divenne, effettivamente, la nuova capitale del Nord dell'impero, sede prediletta dell'Inca e base di partenza di tutte le sue operazioni militari. Durante la guerra civile tra i figli di Huayna Capac, Huascar ed Atahuallpa, sarebbe stata la sede di feroci scontri che ne avrebbero determinato la distruzione.

Quando arrivarono i conquistadores spagnoli, si misero immediatamente alla ricerca di questa città che secondo la leggenda aveva templi d'oro e altre magnificenze, ma trovarono solo rovine. Dopo essere stata abbandonata dai Cañari e dagli Inca, Cuenca rimase un piccolo centro fino a metà del XVI secolo.

La Cuenca che vediamo oggi venne fondata nel 1557 dall'esploratore spagnolo Gil Ramírez Dávalos su ordine di Andrés Hurtado de Mendoza, all'epoca viceré del Perù, un nativo della città spagnola di Cuenca (motivo per cui il nuovo insediamento venne battezzato con quel nome). La città ottenne l'indipendenza il 3 novembre 1820 quando, essendo diventata uno dei centri più importanti dell'Ecuador, fu una delle tre città capoluogo di provincia del nascente stato (le altre due erano Quito e Guayaquil).

Popolazione[modifica | modifica wikitesto]

La popolazione attuale si aggira intorno ai 500.000 abitanti. L'economia della città si basa principalmente sull'agricoltura e sull'industria ad essa collegata, oltre che sulle sue antiche università (in città ve ne sono ben otto, la più famosa e antica delle quali è la Universidad de Cuenca), con circa 12.000 studenti).

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

La città sorge a circa 2.500 metri di altezza, nella parte meridionale delle Ande ecuadoriane. Intorno a Cuenca si trovano numerose cime montuose, mentre il centro abitato sorge prevalentemente su di un altopiano. Dalle quattro terrazze che circondano Cuenca scendono a valle quattro fiumi: il Machangara a nord, il Tomebamba (che divide in due la città), il Tarqui e il Yanuncay (a sud), che confluiscono nel Tomebamba.

Monumenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Vecchia cattedrale (costruita nel 1557 ma ben presto ritenuta troppo piccola per ospitare la popolazione; in fase di restauro)
  • Nuova cattedrale (costruita nel 1880 per rimpiazzare la Vecchia, troppo piccola per la popolazione di Cuenca; costruita in stile neogotico, è uno dei simboli della città; le due torri sono troncate e non vennero mai portate a termine a causa di un macroscopico errore di progettazione: se fossero state ultimate, le fondamenta non sarebbero state in grado di reggerne il peso e la struttura sarebbe crollata)
  • Parco Abdon Calderon (si trova fra le due cattedrali, vicino al palazzo del municipio)
  • La cattedrale dell'Immacolata Concezione
    Monastero El Carmen de Asuncion (fondato nel 1682)
  • Monastero e museo La Concepcion (con tombe del XVII secolo e una collezione di arte sacra)
  • Casa della cultura ecuadoriana
  • Museo municipale Remigio Crespo Toral
  • Museo della banca centrale
  • Museo delle culture aborigene
  • Chiesa di Santo Domingo
  • San Blas.
  • Ruinas de todos los santos (luogo in cui si trovano nove nicchie di origine incaica, di forma trapezoidale)

Persone legate a Cuenca[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Fallingrain - Cuenca. URL consultato il 28 luglio 2009.
  2. ^ Censo 2010-Dati INEC

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

patrimoni dell'umanità Portale Patrimoni dell'umanità: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di patrimoni dell'umanità