Cucina pechinese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La cucina pechinese (Cinese: 北京菜; pinyin: Běijīng cài) ma anche Jing Cuisine, ovvero cucina della capitale o anche cucina mandarina è la cucina della città di Pechino.

Essendo stata Pechino la capitale della Cina per secoli, la sua cucina è stata influenzata dalle tradizioni culinari di tutto lo stato, ma lo stile che più l'ha influenzata è quella della costa orientale della provincia dello Shandong. La cucina pechinese, poi, influenzò a sua volta altre cucine regionali cinesi e in particolare la cucina Liaoning, la cucina imperiale cinese e la cucina aristocratica cinese.

La cucina pechinese pone enfasi sulla pasta di soia scura, pasta e olio di sesamo, scalogno, tofu fermentato è spesso servito come condimento e meno attenzione sul riso rispetto ad altre regioni della Cina, probabilmente poiché la produzione locale di riso è limitata al relativo clima secco.

La cucina Huaiyang era elogiata fin dai tempi antichi in Cina ed era una pratica comune per un funzionario statale durante i viaggi da e per Pechino di portarsi uno chef specializzato in questa cucina. Quando i funzionari completavano i loro scopi tornavano alla provincia d'origine, ma gli chef per lo più rimanevano a Pechino, aprivano i loro ristoranti e venivano assunti dalle persone facoltose locali. La cucina pechinese si formò maggiormente durante il periodo della Dinastia Qing.

Cibo di strada popolare[modifica | modifica sorgente]

Vegetariano[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]