Cucina mantovana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La cucina mantovana è l'insieme dei piatti della tradizione culinaria della provincia italiana di Mantova, alcuni dei quali risalenti ai tempi dei Gonzaga.

È una gastronomia forte di piatti apprezzati fuori dal territorio anche nei secoli scorsi. È una cucina vincolata alla terra dalle tradizioni contadine, ma risulta molto ricca e variegata. Diverse possono essere le varianti locali di uno stesso piatto.

Vista la posizione geografica occupata dalla provincia di Mantova, la tradizione culinaria mantovana risente molto della cucina emiliana del salume e della pasta e della cucina lombarda del riso.

Antipasti[modifica | modifica wikitesto]

Il tradizionale antipasto mantovano è composto da salumi.

Sono molto diffusi:

  • gras pìstà, lardo di maiale tritato al coltello e aglio[2]
  • ciccioli o gréppole, pezzi di carne e grasso di maiale cotti ed essiccati[3]
  • culatello, salume più tipicamente parmense (viene, tuttavia, prodotto anche in alcuni comuni mantovani)[4]

Accompagnano spesso i salumi:

  • Gnocco fritto, quadrati o rombi di pasta di pane fritti nello strutto bollente. È tipico della Bassa Piacentina e solo in tempi piuttosto recenti si è diffuso nel mantovano ed è più noto col nome di "torta fritta" con cui viene chiamato in altre zone dell'Emilia[5]
  • chisœla, focaccia tipica salata[6]
  • Tirot, focaccia con cipolle, tipica della Bassa[7]
  • chisœlina, focaccina croccante e salata[8]

Primi piatti[modifica | modifica wikitesto]

Agnoli in brodo

Sono la colonna portante della cucina mantovana.

Minestre in brodo:

Primi asciutti:

Tortelli di zucca

Secondi piatti[modifica | modifica wikitesto]

Cotechino con polenta

contorni:

Dolci[modifica | modifica wikitesto]

Torta di tagliatelle

Vini[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Mantovani.

[41]

Liquori[modifica | modifica wikitesto]

  • nocino, liquore diffuso in Emilia e fatto con le noci verdi . Deve riposare alcuni anni prima della consumazione per poterlo apprezzare.[42]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali della regione Lombardia, Agricoltura.regione.lombardia.it, 22 aprile 2010. URL consultato il 14 settembre 2013.
  2. ^ Ristoranti Mantova info
  3. ^ Elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali della regione Lombardia, Agricoltura.regione.lombardia.it, 22 aprile 2010. URL consultato il 14 settembre 2013.
  4. ^ Culatello.
  5. ^ Gnocco fritto.
  6. ^ Colucci, op. cit., p.10.
  7. ^ Colucci, op. cit., p.17.
  8. ^ Colucci, op. cit., p.9.
  9. ^ Brunetti, op. cit., p.207.
  10. ^ Brunetti, op. cit., p.209.
  11. ^ Colucci, op. cit., p.28.
  12. ^ Colucci, op. cit., p.18.
  13. ^ Brunetti, op. cit., p.232.
  14. ^ Brunetti, op. cit., p.213.
  15. ^ Paolo Polettini, Luciana Corresini, Il gioco dell'erba amara, 2ª ed., Viadana, 2004.
  16. ^ Brunetti, op. cit., p.206.
  17. ^ Brunetti, op. cit., p.215.
  18. ^ Brunetti, op. cit., p.214.
  19. ^ Colucci, op. cit., p.13.
  20. ^ Colucci, op. cit., p.32.
  21. ^ Brunetti, op. cit., p.217.
  22. ^ Brunetti, op. cit., p.218.
  23. ^ Brunetti, op. cit., p.219.
  24. ^ Brunetti, op. cit., p.111.
  25. ^ Brunetti, op. cit., p.38.
  26. ^ Colucci, op. cit., p.46.
  27. ^ Brunetti, op. cit., p.222.
  28. ^ Colucci, op. cit., p.55.
  29. ^ Colucci, op. cit., p.51.
  30. ^ Colucci, op. cit., p.19.
  31. ^ Brunetti, op. cit., p.227.
  32. ^ Brunetti, op. cit., p.63.
  33. ^ Brunetti, op. cit., p.228.
  34. ^ Colucci, op. cit., p.95.
  35. ^ Brunetti, op. cit., p.229.
  36. ^ Colucci, op. cit., p.93.
  37. ^ Colucci, op. cit., p.98.
  38. ^ Brunetti, op. cit., p.230.
  39. ^ Brunetti, op. cit., p.110.
  40. ^ Brunetti, op. cit., p.233.
  41. ^ Luca Pollini, Tutto Vino: guida completa ai vini d'Italia, Firenze, 2008.
  42. ^ Colucci, op. cit., p.107.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]