Ctenolabrus rupestris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Tordo dorato
Ctenolabrus rupestris Saint-Quay.JPG

Ctenolabrus rupestris.jpg

Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa Bilateria
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Labroidei
Famiglia Labridae
Genere Ctenolabrus
Specie C.rupestris
Nomenclatura binomiale
Ctenolabrus rupestris
Linnaeus, 1758
Sinonimi

Ctenolabrus suillus, Labrus rupestris

Il Tordo dorato (Ctenolabrus rupestris Linnaeus, 1758) è un pesce di mare appartenente alla Famiglia Labridae, unico appartenente al Genere Ctenolabrus.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

È un labride piuttosto settentrionale dato che popola l'Oceano Atlantico tra la Norvegia ed il Marocco oltre che il mar Mediterraneo (dove non è comune) ed il mar Nero.

Abita fondi rocciosi ed a posidonieto tra 10 e 70 metri, i giovani in acque più basse e gli adulti in profondità.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Molto simile al Genere Symphodus da cui si riconosce per la livrea che è in genere bruno dorata sul dorso (talvolta verde negli individui di prateria) e bianco madreperlaceo sul ventre con una linea scura che parte dalla bocca ed attraversa l'occhio arrivando nei pressi dell'opercolo branchiale e una serie di linee orizzontali brune sui fianchi. C'è una vistosa macchia scura nella parte superiore del peduncolo caudale e, spesso, un'altra all'inizio della pinna dorsale.

Può raggiungere i 20 cm.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Avviene in primavera. Le uova e le larve sono pelagiche.

Pesca[modifica | modifica sorgente]

Abbocca alle lenze e si trova nel pescato dei tramagli ma le sue carni non sono pregiate e vanno bene solo per le zuppe di pesce.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Ctenolabrus rupestris in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Costa F. Atlante dei pesci dei mari italiani Mursia 1991 ISBN 88-425-1003-3
  • Louisy P., Trainito E. (a cura di) Guida all'identificazione dei pesci marini d'Europa e del Mediterraneo. Milano, Il Castello, 2006. ISBN 88-8039-472-X

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci