Crystal Palace (Brescia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 45°31′28.55″N 10°12′56.28″E / 45.524597°N 10.215633°E45.524597; 10.215633

Crystal Palace
Rascacielos Crystal Palace Brescia.JPG
Il Crystal Palace visto dal parco Tarello
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Brescia
Informazioni
Condizioni In uso
Costruzione 1988-1990
Uso agenzie e uffici commerciali
Altezza Tetto: 110 m
Piani 30
Realizzazione
Architetto Bruno Fedrigolli
 

Il grattacielo Crystal Palace di Brescia è stato realizzato negli anni 1988-1990 su progetto dell'architetto Bruno Fedrigolli. Alto 110 metri e provvisto di piattaforma eliporto, conta 30 piani.

Edificio in calcestruzzo armato, la struttura esterna è rifinita con pannelli di vetro azzurrato ed alla base è presente (ora non funzionante) una fontana artistica con struttura metallica in bracci semoventi, cucchiai e campane.

Durante il periodo della sua costruzione vi sono state alcune controversie tra la Regione Lombardia e la Provincia di Brescia perché il grattacielo, stando ai progetti, avrebbe dovuto superare l'altezza del Grattacielo Pirelli, all'epoca grattacielo più alto d'Italia, di circa 6 metri; dopo alcuni mesi la regione emise un'ordinanza per fermare immediatamente la costruzione del Crystal Palace, che resta comunque il grattacielo più alto di Brescia.

Il grattacielo, insieme con la più piccola ed adiacente architettura "Symbol" (chiamato localmente "matitone" per la sua caratteristica forma a matita con la punta verso il basso, ispirazione per successive costruzioni), per le sue fattezze avveniristiche ha fatto da sfondo in spot pubblicitari ed ha dato il via negli anni '90 ad un forte impulso di urbanizzazione del quartiere di "Brescia 2", sorto inizialmente nei primi anni '70, con palazzi e torri ad uso prevalentemente di ufficio. Due piani dell'edificio sono stati adibiti a discoteca.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]